Il lato positivo
Il lato positivo

14 animali da cui non siamo solitamente spaventati anche se dovremmo esserlo

Sfortunatamente la natura ci sorprende non solo con creature meravigliose, ma anche con quelle pericolose. E possiamo incontrarle in posti in apparenza sicuri. Non tutti sanno che anche una normale coccinella può essere pericolosa o che i bruchi possono causare irritazione alla pelle.

Ma uomo avvisato mezzo salvato! Per questo Il Lato Positivo ha deciso di scrivere questo articolo sugli animali che andrebbero evitati.

Il bruco processionaria del pino

I bruchi processionarie del pino sono pericolosi e non c’è bisogno nemmeno di toccarli per avere delle conseguenze spiacevoli. Anche se solo vieni a contatto con un’area dove questo bruco è stato o ha fatto cadere i peli, potresti andare incontro a dermatite che potrebbe degenerare a sua volta in gravi irritazioni della pelle e altre conseguenze.

  • Dove vivono: Europa, Africa settentrionale, Medio Oriente, India, e Russia.

Lo scorfano nero

Gli scorfani neri sono spesso presenti nelle zone costiere. Passano la maggior parte del tempo stesi su un fondo roccioso, aspettando la loro preda.

I pesci grossi vivono in profondità, quindi i pescatori e i sommozzatori sono i più a rischio. Le spine che hanno sul dorso contengono una sostanza chimica che provoca un gran dolore, e anche la melma che entra nella ferita può provocare infiammazioni; quindi non toccare questo pesce.

  • Dove vivono: nella parte orientale dell’Oceano Atlantico, nel Mar Mediterraneo e nel Mar Nero.

La farfalla dalla coda marrone

Le farfalle dalla coda marrone e i bruchi sono particolarmente attivi a metà estate e hanno peli velenosi. Qualsiasi contatto con queste farfalle piò portare a un grave sfogo che può restare per settimane. La zona con cui tocchi la farfalla diventerà rossa e farà prurito. I posti preferiti per vivere di queste farfalle sono i parchi con alberi decidui e frutti maturi.

L’ululone dal ventre giallo

Gli ululoni dal ventre giallo hanno sul corpo macchie rosse e arancioni. Non devi toccarli o potresti essere avvelenato dalla bombesina (una sostanza chimica che ricopre la loro pelle) e causa grave irritazione, febbre e mal di testa.

  • Dove vivono: Europa e zone in Asia con un clima moderato.

I ditiscidi e le loro larve

Le larve sono abbastanza grosse e possono arrivare a 5 cm di grandezza, il che le rende molto pericolose. Se lo tocchi, può morderti. Gli scarafaggi stessi possono darti dei morsi dolorosi: la reazione sulla pelle assomiglia ad essere trafitti da qualcosa di appuntito. L’area punta sarà circondata da un bozzo che ci metterà circa 2-3 settimane a sparire.

La lumaca rossa

Queste lumache possono raggiungere i 18 cm di lunghezza e mangiano tanto. Possono mangiare tutto quello che trovano e anche passare i nematodi (che sono dei parassiti pericolosi sia per gli umani che gli animali).

  • Dove vivono: Europa orientale, inclusa Francia, Olanda, Germania, Svizzera, Polonia orientale, e la parte meridionale delle isole britanniche.

Il meloe

Questo è un pericoloso scarafaggio che non vola. Se le sostanze chimiche che produce ti toccano la pelle, provocheranno bruciature e vesciche e ci metteranno molto tempo a guarire.

Il serpente frusta caspico

serpenti frusta caspici non sono velenosi, ma sono comunque molto aggressivi. Quando cominciano a muoversi circolarmente vuol dire che si stanno preparando a saltare. Puntano sempre al collo o al viso.

  • Dove vivono: Europa meridionale e sudorientale e Kazakistan orientale.

Gli anfipodi

Queste pulci di mare non mordono spesso, ma quando lo fanno portano sempre a un brutto sfogo e a un’irritazione cutanea. Puoi trovarle sulla costa e sulle alghe.

  • Dove vivono: in quasi tutti i posti d’acqua dolce, nei mari e negli oceani. Vivono anche nelle acque sotterranee. Possono essere trovate in Ucraina e nell’Europa occidentale.

Comuni notonette

Le notonette non sembrano pericolose ma non dovresti sottovalutarle o toccarle. Non capita molto spesso ma possono sempre bucare la pelle con il naso.

La zanzara tigre

Puoi facilmente riconoscere questi insetti dalle strisce bianche che hanno sul corpo e sulle zampe. Sono pericolose perché possono trasmettere la febbre dengue, la febbre zika e la chikungunya.

Il castoro

I castori vivono nelle loro tane ma quando fa freddo escono ogni tanto per trovare cibo sott’acqua. Possono essere molto aggressivi. In caso di pericolo, i castori proteggeranno il loro territorio. Quindi, se vedessi un castoro, è meglio che tu gli stia lontano in modo da evitare qualsiasi situazione spiacevole.

  • Dove vivono: Spagna, Francia, Europa centrale e orientale, Scandinavia, e Russia.

Il coleottero bombardiere

I coleotteri bombardieri prendono il loro nome dal fatto che, quando si sentono minacciati, spruzzano una sostanza chimica bollente.

È pericoloso toccarli perché ciò attiverà molto probabilmente il loro meccanismo di difesa: in questo modo il coleottero proverà a difendersi e tu ne ricaverai una bruciatura chimica. È ancora peggio se la sostanza chimica ti va negli occhi.

La coccinella

La maggior parte delle coccinelle sono innocue. Ma la coccinella arlecchino è pericolosa perché potrebbe morderti con la sua morsa decisa, specialmente se è affamata.

Anche se il morso non è velenoso, si formerà comunque un bozzo e potresti anche avere una reazione allergica. L’effetto più comune è la congiuntivite, che si presenta se ti tocchi gli occhi dopo aver toccato la coccinella.

  • Dove vivono: Siberia, Kazakistan, Giappone, Mongolia, Cina, Corea, e Taiwan.

Hai mai visto qualcuno di questi animali? Sapevi che è meglio restarne alla larga?

Il lato positivo/Animali/14 animali da cui non siamo solitamente spaventati anche se dovremmo esserlo
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti