Il lato positivo
Il lato positivo

10 celebrità che hanno imparato dai propri figli speciali un tipo diverso di amore

Crescere un figlio con bisogni speciali può essere qualcosa di veramente impegnativo, ma anche altrettanto gratificante. Mette alla prova i genitori in un modo che mai avrebbero immaginato, ma mostra loro anche un tipo completamente diverso di amore. Ci sono alcune celebrità che lo sanno bene per esperienza e hanno preziosi consigli da condividere con noi.

Il Lato Positivo è lieto di presentarti 10 celebrità e i loro straordinari bambini, nella speranza di farti sorridere almeno quanto abbiamo sorriso noi!

1. Caterina Scorsone

La star canadese di Grey’s Anatomy ha una tenera bambina di nome Paloma che è sempre presente nei post dei social media della star 39enne. Paloma è nata con la sindrome di Down e sin dalla sua nascita nel 2016, Caterina è diventata una voce di spicco sui social media per aumentare la conoscenza di questa condizione.

Nelle sue interviste Caterina fa dichiarazioni importanti riguardo sua figlia. Dice: “Pippa è diversa. Come lo sei tu e come lo sono io. Pippa ha dei bisogni specifici per il modo in cui è fatto il suo corpo. Io ho bisogni specifici per il modo in cui è fatto il mio corpo. Tutti li abbiamo”. Confessa anche di essersi spaventata all’inizio, poiché non sapeva niente di questa condizione ma, in seguito, ha sentito che la particolarità di Pippa aveva acceso una fiamma nella sua vita e nella vita della sua famiglia.

2. Amanda Booth

Modella, mamma e sostenitrice, Amanda Booth si è impegnata per apportare un cambiamento tanto necessario nell’industria dei media e della moda, grazie all’ispirazione di suo figlio Micah, che ha la sindrome di Down e l’autismo. Amanda ha dichiarato che ha notato questo bisogno quando è tornata a lavoro dopo la nascita di Micah. “Ho iniziato a notare quando uscivo per lavoro, che c’erano bambini in attesa di fare casting tutto il tempo. E mi chiedevo: ’Perché nessuno chiede del mio bambino per questi casting?’”, ricorda.

Booth afferma che una delle tante cose che apprezza di Micah è la sua abilità di percepire la gentilezza negli altri. Lo chiama “barometro” proprio perché fa emergere la carineria di tutti quando entra in una stanza. Amanda lavora veramente sodo per aiutare a valorizzare questa bellezza diversa, e non ha paura di rispondere alle domande delle persone relative alla condizione di suo figlio. Dice di essere pronta a spiegare perché suo figlio sta facendo i capricci o perché non si sta comportando come fanno tutti gli altri, e lo fa volentieri per tutti coloro che ne sono interessati.

3. Toni Braxton

Toni ha partorito il suo secondo figlio Diezel nel 2003 e, quando il bambino aveva 3 anni, gli venne diagnosticato l’autismo. Toni non accolse in modo tragico questa notizia e iniziò a lottare per suo figlio. Ha studiato modi su come aiutare ed educare suo figlio e, nel 2016, ha fatto al pubblico un annuncio sorprendente.

Braxton annunciò che suo figlio tredicenne aveva smesso di avere caratteristiche autistiche e che era completamente guarito dal suo stato. Descrisse suo figlio come una “farfalla sociale” e affermò che il recupero da questa condizione era dovuto al suo tempestivo intervento, lavoro duro e costante e programmi speciali per bambini autistici che apprese dalla fondazione Autism Speaks.


Oggi, Diezel Braxton è un modello molto richiesto che ha firmato un contratto con una delle principali agenzie di moda al mondo e sta rapidamente guadagnando popolarità su Instagram come star.

4. Sylvester Stallone

Quando qualcuno sente il nome di Sylvester Stallone, lo associa immediatamente a Rocky: un uomo duro con un cuore ancora più duro. Al figlio di Stallone, Seargeoh, fu diagnosticato l’autismo in tenera età, e questo è ciò che il padre disse sulla vicenda: “Dobbiamo accettare Seargeoh per quello che è e capire che ha un modo di fare semplicemente più calmo e riservato.” Seargeoh è apparso in Rocky 2, in qualità di figlio appena nato di Rocky.

5. Katie Price

Katie Price è una modella bella e di successo, ma è anche una mamma. Suo figlio, Harvey, è nato nel 2002 ed é affetto da autismo, cecità e sindrome di Prader-Willi. Una delle preoccupazioni più grandi di questa condizione è legata al fatto che al bambino manca la capacità di dire quando è sazio, per questo continua a mangiare. Ciò può portare a obesità e diabete di tipo 2, ciascuno con le proprie conseguenze.

Ma Katie ha superato tutti i problemi e le insidie insieme a suo figlio e ora annuncia fieramente su Instagram: “Ti ho visto diventare un bell’uomo. Mio orso Harvey, ti amo e non ti cambierei per nulla al mondo.”

6. John McGinley

Il famoso attore John McGinley ha un figlio di nome Max a cui è stata diagnosticata la sindrome di Down, è attivamente impegnato nel costruire consapevolezza riguardo l’argomento ed è sostenitore di associazioni a supporto della sindrome di Down. Nel 2011, ha ricevuto dalla fondazione “Quincy Jones”, l’Exceptional Advocacy Award per il suo lavoro svolto con persone con la sindrome di Down e con disabilità dello sviluppo in generale.

In un’intervista, ha spiegato cosa significa avere un bambino con bisogni speciali: “I primi mesi, sembrava fossimo stati colpiti in testa da una specie di martello cosmico... ma prima o poi devi fare qualcosa, devi scegliere un verbo aggressivo su ciò che farai in questa vita. Per Max. ’Devi fare qualcosa per me, superare le tue paure, papà, sono qui.’”

7. Colin Farrell

Chi avrebbe immaginato che il cattivo di Hollywood fosse il padre di un bambino con bisogni speciali? Il figlio di Colin Farrell, James, soffre di una condizione genetica chiamata sindrome di Angelman. Questa condizione può causare movimenti a scatti. Colin ha lavorato molto con la fondazione per la sindrome di Angelman e ha dichiarato: “Quando sei padre di un bambino con bisogni speciali, è importante sentire che non sei solo.” Questo è il motivo per cui ha iniziato a lavorare con la fondazione.

8. Christopher Gorham

La star di Ugly Betty, Christopher Gorham, ha un figlio di nome Lucas a cui è stata diagnosticata la sindrome di Asperger all’età di 9 anni. “È sconvolgente sentire che c’è qualcosa che non va in tuo figlio”, ha detto a proposito della diagnosi, “allo stesso tempo, è un sollievo sapere cosa non va perché se sai cosa c’è che non va, allora inizi a prendere provvedimenti per aiutarlo.”

Christopher notò che suo figlio si stava allontanando sempre più dai suoi coetanei di seconda elementare, e fu allora che scoprì la diagnosi e da quel momento lui e sua moglie sono stati impegnati con la sua terapia. Gorham dice che capisce tutti i genitori che hanno figli con bisogni speciali, poiché ha attraversato molti cambiamenti e tanto stress. Ma vede anche il lato positivo di questa vicenda poiché sua moglie, secondo le sue parole, si è rivelata una supereroina nell’affrontarla.

9. Gary Cole

L’attore Gary Cole ha sospettato che sua figlia Mary fosse speciale quando lei aveva 2 anni. “Non processava informazioni come fai tu o come faccio io, e non coglieva i segnali sociali”, ha affermato. Le è stato diagnostico l’autismo, ma ha condotto una vita normale. Le è stata fornita una terapia e l’aiuto di un assistente personale, che l’ha aiutata a seguire regolarmente le scuole elementari e medie in California. Il consiglio di Gary ai genitori di bambini che potrebbero avere bisogni speciali è: “Cercate risposte, prima è, meglio è.”

10. Jenny McCarthy

Quando a Evan, suo figlio, fu diagnosticato l’autismo, Jenny McCarthy afferma che smise di parlare e iniziò ad ignorare il mondo intorno a lui. Perché, secondo lei, questo è ciò che molti bambini autistici fanno: si chiudono in se stessi. Tuttavia, lei era determinata ad aiutarlo a riprendersi. Così ha iniziato a cercare delle cure.

Una delle cose che ha fatto è stata correggere le abitudini alimentari della famiglia; ha anche provato il video modeling e la terapia del gioco per insegnargli a giocare, e si è scoperto che il suo “spirito guerriero” ha davvero aiutato Evan. Secondo Jenny, Evan ha fatto passi da gigante. “Sta andando alla grande”, dice, “Si può considerare guarito.”

Ti sei mai preso cura di un bambino speciale?

Anteprima del credito fotografico JohnCMcGinley / Twitter, Rocky II / MGM
Il lato positivo/Persone/10 celebrità che hanno imparato dai propri figli speciali un tipo diverso di amore
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti