Il lato positivo
Il lato positivo

16 uomini che hanno vissuto in prima persona la differenza tra il congedo parentale e le ferie

Alcune persone credono che essere in congedo, crescere i figli, cambiargli i pannolini e portarli a scuola siano cose che fanno solo le donne. Questo è perché si dice che “gli uomini lavorano e hanno tante cose da fare”. Eppure non è affatto così. Ci sono alcuni uomini che hanno vissuto quei periodi assurdi dopo la nascita dei loro figli, incluse le notti insonni e i tentativi di lavorare e fare il genitore contemporaneamente.

Noi de Il Lato Positivo abbiamo deciso di tuffarci nelle storie di uomini che hanno scoperto in prima persona cosa voglia dire essere un genitore 24h su 24.

  • Nella nostra famiglia ho passato io tutto il tempo col bambino. Ecco come andava: al mattino, dovevo dargli da mangiare e poi andavo al lavoro. Dopo il lavoro, dovevo lavare il bambino e metterlo a dormire. Mi svegliavo in piena notte. Nei weekend, mia moglie poteva andare da qualche parte e io stavo a casa col bambino. La parte più difficile è stata quando stava mettendo su i denti. Non dormivo fino alle 5 del mattino e dovevo svegliarmi alle 7 per arrivare al lavoro in orario. © Giltias1 / Pikabu
  • Essere un padre è molto difficile. Non il tipo di padre che fa un bambino e poi ci passeggia due volte a settimana, ma quello che cucina, pulisce, cambia i pannolini, nutre, lava, gioca, insegna e compra vestiti. Non mi capacito di come mia madre abbia cresciuto 5 figli. © ego_trickster / Twitter
  • Sto sempre con mia figlia quando sta male perché sua madre è impegnata, mia figlia vuole più bene a me. © monsterizbolota / Pikabu
  • Sveglio i ragazzi alle 6:45 per andare a scuola e preparo loro la colazione. Quando tornano a casa, sono lì ad accoglierli. Preparo il pranzo. Gioco con loro. Lavoro mentre dormono. In estate non c’è scuola, quindi sono a casa tutto il giorno. E sì, quando tutti vanno finalmente a dormire, sto sveglio ore la notte a scrivere o a fare consulenze. © Ken Miyamoto / Quora
  • Quando ho preso il congedo di paternità volevo badare al bambino e lavorare da remoto allo stesso tempo, ma è impossibile. È troppo difficile. Mentre pulisci tutto, c’è una persona che ti segue e rompe tutto ciò che la circonda e non puoi spiegargli che è sbagliato. Ci sono giorni in cui vorrei lavorare giorno e notte. © TUT.BY / YouTube
  • Faccio l’ingegnere in una fabbrica piena di macchinari rumorosi e non ho problemi a sentire quei suoni tutto il giorno, ma quando mio figlio continua a piangere tutto il tempo, spesso mi trovo a urlargli contro a fine giornata. Mi sento molto in colpa e voglio capire come avere il controllo e non perderlo a causa del pianto continuo. © abdelrahmanhfayek / Reddit
  • Mio marito non sopportava il fatto che non ci fossero quasi mai dei fasciatoi nei bagni degli uomini. Andava bene se c’ero anch’io e potevo andare nel bagno delle donne, ma era molto difficile quando portava in giro il bambino da solo. È come se non pensassero che anche gli uomini devono cambiare i pannolini. O doveva usare il bagno per i disabili (e potenzialmente far aspettare qualcuno con problemi di mobilità) oppure fare un urlo nel bagno delle donne e sperare che nessuno entrasse prima che avesse finito. © InsomniacEnglish / Reddit
  • Se porti tu* figli* in giro senza sua madre, ti guarderanno male e forse qualcuno discuterà con te. La società ha normalizzato presumere che gli uomini non sappiano cosa stanno facendo o che siano dei rapitori. Nessuno presume che tu sia un buon padre. © 819phoenix / Reddit
  • Tutti pensavano che fossi pazzo quando sono andato a fare una passeggiata con mio figlio. Quando volevo essere con mia moglie mentre partoriva, la gente pensava fossi un folle. Alcuni hanno detto che sarei dovuto essere al bar coi miei amici. Ricordo di aver portato mio figlio a farsi vaccinare. Ha pianto un po’ e l’infermiera ha detto: “Oh, tranquillo, caro. La tua mamma ti consolerà.”. Quindi, cosa sono qui a fare? © Tom Laurence / AdMe
  • Ho sperimentato la discriminazione in prima persona. Nonostante io fossi quello che si occupava di mio figlio principalmente e l’avessi detto agli insegnanti dell’asilo, ai dottori e ad altri, istintivamente chiamavano comunque mia moglie quando volevano contattare noi genitori. Lei doveva allora chiedere loro di chiamare me. Ripetutamente. Molte persone hanno provato a lodarmi dicendomi come fosse bello che “aiutassi mia moglie con i figli”. Non è un complimento. È un insulto. Sono un padre, non un “assistente”, e non sono i figli di mia moglie ma i nostri, mi prendo cura di loro perché sono i miei figli, non perché sto “aiutando” in un compito che “in verità” appartiene a lei. © Eivind Kjørstad / Quora
  • Quando mio figlio aveva 10 mesi, ho avuto bisogno di essere operata. Anche se è stato doloroso, ero molto felice. Mi sentivo una cattiva mamma, perché mio marito è dovuto stare con nostro figlio per 3 giorni. Anche se non cucina o pulisce, è cambiato molto quando abbiamo avuto un altro figlio e mi aiuta sempre per darmi tempo di riposare. Va a prendere i figli da scuola, mi dà tempo di dormire e molto altro. © Darenaya / AdMe
  • Sono in una casa con 3 bimbe dai capelli rossi e ricevo molto poco in termini di gratitudine o rispetto. Non è colpa di mia moglie, ma mia. Finché non mi sono ammalato, avevo l’energia e la determinazione per fare tutto, essere tutto. Adesso però, riuscire a preparare le bambine per la scuola è un compito così faticoso che potrei passare il resto del giorno a letto. Invece, passo 3 ore in transito tra il portarle a scuola e tornare a casa a scegliere se pulire, mangiare o dormire nell’ora/ora e mezza che ho prima di dover spendere altre 3 o 4 ore a cercare di tornare a scuola a prenderle e portarle a casa. © Nicholas Cobb / Quora
  • Mi sono preso 5 mesi di congedo parentale per la mia primogenita quando aveva 14 mesi. La cosa più difficile a cui abituarsi è stata non avere pause. Mai. Per spiegare un po’ meglio: lo scorso mese, ho passato un giorno a settimana in ufficio per riuscire a tornare a fare il mio vecchio lavoro e mettermi al passo. Quelli erano i miei giorni di vacanza! Tutto a un tratto avevo conversazioni da adulto. Quando avevo bisogno di una pausa, mi versavo una tazza di caffè e sfogliavo una rivista. C’erano altre persone, ma non mi urlavano mai nelle orecchie quando avevano bisogno di qualcosa. Anzi, volevano sorprendentemente poco da me che fosse più del mio pensiero su un argomento. Quando dicevo alle persone: “No, non posso farlo”, lo accettavano. Quando dicevo loro che una cosa sarebbe stata fatta entro “la prossima settimana”, andava bene. Quando volevo pensare bene a una cosa, andavo in un’altra stanza e fissavo la lavagna e i miei appunti per un’ora. Andavo in bagno da solo. Con la porta chiusa. © Markus Finster / Quora

Secondo te, cos’è più difficile: crescere dei figli o lavorare?

Nota: questo articolo è stato aggiornato a giugno 2021 per correggere le fonti e le inesattezze fattuali.
Anteprima del credito fotografico Kelly Sikkema / Unsplash.com, 819phoenix / Reddit
Il lato positivo/Persone/16 uomini che hanno vissuto in prima persona la differenza tra il congedo parentale e le ferie
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti