Il lato positivo
Il lato positivo

9 consigli per non farsi abbindolare dai trucchetti di marketing al supermercato

Andare al supermercato è probabilmente una routine quotidiana o settimanale per tutti. Per alcuni è un piacere, mentre per altri può essere un compito fastidioso. Ognuno lo vive a modo suo, e da questo si evince anche la personalità e il modo di vivere di una persona. Ora, quando cammini in un posto come questo, sapevi che dietro quegli scaffali pieni di cibo ci sono menti strategiche dedite a cercare di influenzare le tue decisioni?

Noi de Il Lato Positivo abbiamo preparato questi 9 consigli per la spesa intelligente e ora li vogliamo condividere con te. Leggi fino alla fine in modo da essere pront* a schivare le loro trappole di marketing.

1. Gli ultimi sono i migliori

Il sistema di conservazione degli alimenti ha una regola che i rivenditori devono seguire: indipendentemente dal fatto che si tratti di alimenti freschi, congelati o confezionati, gli articoli con data di scadenza più ravvicinata vengono posizionati nella parte anteriore e quelli con data di scadenza più lontana sul retro dello scaffale, che è più difficile da vedere. Questo è un modo per garantire che gli alimenti con le date di scadenza vicine vengano venduti per primi.

Pertanto, quando si scelgono prodotti lattiero-caseari e altri alimenti freschi, è meglio cercare quelli che sono “nascosti” nella seconda, terza o quarta fila.

2. I prodotti sono più freschi in prossimità degli orari di apertura e chiusura

Per trovare frutta e verdura fresca, è meglio fare la spesa la mattina presto o appena prima della chiusura del negozio. Questi sono solitamente gli orari in cui i negozi ricevono le consegne. È così che troveremo la massima varietà e freschezza nei prodotti che consumeremo lo stesso giorno o quello dopo.

3. È meglio usare un carrello invece di un cestino

Probabilmente avrai già letto che usare un carrello in negozio può aiutarti a evitare spese eccessive, poiché, a quanto pare, in questo modo, ci limiteremmo ad acquistare solo ciò di cui abbiamo bisogno. Tuttavia, secondo una ricerca, le persone che scelgono di fare acquisti con un cestino hanno maggiori probabilità non solo di spendere di più, ma anche di acquistare prodotti non salutari.

Apparentemente, lo sforzo di portare un cestino ci rende più propensi ad acquistare rapidamente e solo ciò che è in vista e a portata di mano. Inoltre, c’è un fatto molto curioso: il disagio generato dall’affaticamento del braccio rende le persone più propense a scegliere prodotti come caramelle, biscotti e snack che danno loro una gratificazione immediata come una sorta di compensazione per il loro sforzo.

4. I prodotti surgelati sono spesso l’opzione migliore

È opinione diffusa che i prodotti freschi siano sempre più sani di quelli congelati; tuttavia, spesso non è così. Prendi ad esempio frutta, verdura, cereali e persino pesce fuori stagione: potrebbero aver fatto molta strada per raggiungere lo scaffale in cui sono ora esposti, apparentemente freschi e sani.

Spesso, gli alimenti sono congelati al loro apice di freschezza. Ad esempio, le bacche iniziano a perdere nutrienti pochi istanti dopo essere state raccolte, quindi congelarle non appena vengono raccolte è il modo migliore per preservare tutto il loro valore nutritivo. Dopo aver letto l’etichetta e esserti assicurat* che non contengano sodio, zucchero o sostanze chimiche, possiamo essere certi di mangiare cibi ricchi di sostanze nutritive ogni volta che vogliamo.

5. Non fidarti di ciò che dice la confezione

Per legge, le bevande e gli alimenti confezionati al supermercato devono indicare gli ingredienti che contengono. Come regola generale, questi sono elencati in base al peso, dalla quantità maggiore a quella minore. Ciò significa che l’ingrediente più abbondante apparirà per primo nell’elenco e così via. Quindi si raccomanda di ignorare le indicazioni di marketing sulla parte anteriore della confezione e di controllare semplicemente le informazioni nutrizionali sul retro: è lì che c’è la verità.

Affermazioni come “ridotto contenuto di grassi”, “senza zuccheri aggiunti” ecc., possono indurci a credere che stiamo acquistando un prodotto sano e che non ci farà ingrassare. Tuttavia, anche i prodotti “light” possono contenere una quantità significativa di zuccheri o grassi. Le etichette verdi ed eccessivamente generali non equivalgono a 0 calorie, 0 grassi e 0 colesterolo.

6. Fai la spesa lungo il perimetro del negozio

Se vai al supermercato quando è abbastanza affollato, noterai che molto probabilmente le persone faranno la spesa nei corridoi situati al centro del negozio. In realtà è lì che tutti trascorrono la maggior parte del loro tempo. Tuttavia, il luogo in cui dovremmo trascorrere più tempo è invece intorno al perimetro del negozio.

Ciò vale se quello che vuoi è comprare cibo più sano. Il perimetro è dove si trovano gli alimenti più freschi e meno lavorati: frutta, verdura, carne, latticini e pane. Al contrario, la maggior parte degli alimenti nei corridoi centrali sono alimenti confezionati. Ciò significa che hanno sostanze chimiche che permettono loro di essere conservati al di fuori dei frigoriferi.

7. Dimentica la carta

Uno studio pubblicato sul Journal of Consumer Research ha monitorato le abitudini di acquisto di diverse famiglie in un periodo di 6 mesi ed è giunto a una conclusione che potremmo aver già sospettato: gli acquirenti che pagano in contanti non solo spendono molto meno per i loro acquisti di generi alimentari, ma acquistano anche meno alimenti confezionati e una maggiore quantità di alimenti sani rispetto a coloro che optano per la carta di credito o il bancomat.

Le verdure esposte su vassoi lucidi, perfettamente simmetriche e tagliate con precisione, possono attirarci, ma, anche in questo caso, non dobbiamo lasciarci ingannare dalle apparenze. Il fatto che vengano disposte in questo modo può essere dovuto al fatto che vogliono attirare la nostra attenzione. Possono essere di qualità inferiore o meno fresche.

Al contrario, la frutta fresca e di prima qualità è quella che solitamente presenta forme più irregolari e lievi imperfezioni. È sempre meglio poter toccare, annusare e guardare. Quindi, non lasciamoci tentare e stiamo lontani da quelle che sono sui vassoi e sembrano sorridere alla luce dei flash.

8. Guardare in basso è una buona opzione

La posizione di ogni articolo in un supermercato non è affatto casuale. Dietro ogni scaffale c’è un esperto di marketing che ha pianificato il modo migliore per attirare l’attenzione su un prodotto e distoglierlo dagli altri. La regola principale è: “il livello degli occhi è il livello della spesa”. Ciò significa che è probabile che i prodotti posizionati all’altezza degli occhi vendano meglio.

Se guardiamo da vicino, non ci vorrà molto per notare che le opzioni più costose sono a quel livello, mentre i marchi più economici o meno conosciuti saranno al di sopra o al di sotto di questo. Ma più costoso non significa migliore qualità, significa semplicemente che i produttori di quegli articoli costosi hanno potuto pagare il prezzo elevato imposto loro dal supermercato per esporli lì e garantirne la vendita.

9. Acquista solo pesce confezionato sottovuoto

Gli esperti di pesce e frutti di mare consigliano di non acquistarli al supermercato perché spesso non sono freschi. Se acquisti pesce lì, fallo solo se è sigillato sottovuoto. Non è consigliabile acquistare pesce o frutti di mare confezionati in vassoi di polistirolo perché potrebbe non essere stato pulito prima della distribuzione.

Cosa tieni in considerazione quando fai la spesa al supermercato? Dove ti fermi più a lungo e quale reparto è il primo che attraversi?

Anteprima del credito fotografico Depositphotos.com
Condividi quest'articolo