Il lato positivo
Il lato positivo

10 idee sbagliate sull’allattamento al seno che molte donne credono ancora che siano vere

Ci sono alcune idee che possono indurre una madre ad abbandonare prematuramente l’allattamento al seno o a impegnarsi in pratiche sbagliate che rendono ciò ancora più difficile per lei. Tuttavia, l’allattamento al seno è fondamentale: porta molti benefici alla salute del bambino e rafforza il legame che ha con la madre. Il latte materno, infatti, è consigliato come alimento esclusivo per i primi 6 mesi e abbinato ad alimenti complementari fino a 2 anni di età. Ecco perché è fondamentale eliminare alcune idee sbagliate su questo argomento.

Noi a Il Lato Positivo volevamo sfatare una serie di miti che circolano spesso sull’allattamento al seno, aiutando così le madri che allattano a prendere decisioni più informate. Tuttavia, è importante consultare sempre il proprio medico di base per ogni singolo caso.

1. “I bambini dovrebbero essere allattati ogni 3 ore.”
Falso: l’allattamento dovrebbe essere su richiesta.

Durante le prime settimane si consiglia di allattare il/la bambin* ogni volta che lo richiede, sia di giorno che di notte e questo può variare da ogni ora a ogni 3 ore. Questo perché i neonati sono costantemente affamati visto che il loro stomaco è piccolo e il latte materno è facilmente digeribile.

Inoltre, l’allattamento al seno frequente contribuisce alla produzione di latte. Man mano che il/la tu* bambin* cresce, sarà più regolare e prevedibile.

2. L’allattamento al seno è facile perché è naturale."
Falso: l’allattamento al seno può essere difficile e si impara.

Sebbene sia vero che l’allattamento al seno è un processo naturale, è anche un’abilità che deve essere sviluppata. Può essere complicato fare ciò, poiché potrebbero esserci alcuni inconvenienti, come dolore al seno, frustrazione o suzione debole da parte del/la bambin* che deve imparare a nutrirsi.

Per ottenere un allattamento al seno sano e tranquillo, la madre deve conoscere le diverse posizioni di allattamento al seno. Il/la bambin* deve imparare ad attaccarsi bene e, se necessario, dovrebbe essere richiesto l’aiuto di un professionista dell’allattamento al seno.

3. “Devi aspettare tra una poppata e l’altra che il seno si riempia.” Falso: più si allatta, più latte viene prodotto.

Il modo migliore per produrre latte materno è allattare regolarmente. I seni producono latte in risposta alla suzione del/la bambin* e più succhia, più latte produrrà la madre. Inoltre, svuotare il seno ad ogni poppata aiuterà anche ad aumentare la produzione (mentre il neonato sta allattando).

4. “Devi bere latte per produrre latte”.
Falso: per produrre latte, devi seguire una dieta sana.

Per avere l’energia e i nutrienti di cui il corpo ha bisogno per produrre il latte, la madre potrebbe dover mangiare un po’ più del normale: tra le 330 e le 400 calorie in più al giorno, derivanti da una dieta varia e ricca di proteine, composta da prodotti come carni magre, uova, latticini, verdure, pesce e frutti di mare a basso contenuto di mercurio, nonché cereali integrali, frutta e verdura.

5. “L’allattamento al seno dovrebbe essere fatto solo per un massimo di 6 mesi.” Falso: l’allattamento al seno può essere fatto finché la madre e il/la bambin* lo desiderano.

Come accennato in precedenza, si consiglia di allattare esclusivamente fino a 6 mesi e, dopo l’aggiunta dell’alimentazione complementare, fino a 2 anni o più. Secondo gli esperti, il latte materno continua a dare benefici sia alla madre che al/la bambin*, anche dopo i 2 anni di età e sta a loro decidere quando terminare questo processo.

6. “Disabitua il/la bambin* se rimani di nuovo incinta.”
Dipende: se la gravidanza è sana, l’allattamento al seno non influirà né sulla madre né sul/la bambin*.

Quando una madre che sta allattando il/la su* bambin* rimane incinta di nuovo e decide di non interrompere l’allattamento al seno in modo che una volta nat* il/la nuov* bambin* possa allattare entrambi, si verifica ciò che è noto come allattamento in tandem. Questo è un fatto che, secondo le attuali prove scientifiche, è molto improbabile che influisca sullo sviluppo della gravidanza, del feto o del/la bambin*.

7. “Durante l’allattamento, non puoi rimanere incinta.” Dipende: esiste il metodo LAM, ma funziona solo fino a 6 mesi e in alcuni casi.

Quando una donna allatta in via esclusiva, smette naturalmente di ovulare e quando non ovula, non può rimanere incinta. Questo metodo è noto come metodo dell’amenorrea da lattazione (LAM) e, se eseguito correttamente, può essere efficace quasi quanto un contraccettivo ormonale.

Ma è molto importante tenere presente che questo metodo non impedisce la gravidanza se il/la bambin* viene nutrit* con qualcosa di diverso dal latte materno o se viene utilizzato un tiralatte. Inoltre, può essere utilizzato solo come contraccettivo per i primi 6 mesi di vita del/la bambin* o fino al ritorno del ciclo mestruale.

8. “Quando una madre è spaventata o arrabbiata, non può allattare.” Falso: la produzione di latte può avvenire anche dopo una forte emozione.

Quando il corpo è esposto a forti emozioni, come stress o paura, produce ormoni come riflesso naturale di sopravvivenza, tra cui adrenalina, noradrenalina e cortisolo, che possono bloccare la produzione di latte, ma solo momentaneamente.

Non appena la madre riavvicina il/la bambin* al seno, il latte riprenderà a essere prodotto.

9. “Se una madre è malata, non dovrebbe allattare.”
Falso: il latte materno può proteggere il bambino dalle malattie.

In caso di malattie e infezioni lievi, nel momento in cui la madre sviluppa i sintomi, il bambino sarà già stato esposto alla malattia, quindi è consigliabile continuare l’allattamento al seno per fornire una protezione aggiuntiva attraverso il latte materno.

D’altra parte, la maggior parte dei farmaci è compatibile con l’allattamento al seno e può essere presa in sicurezza durante l’allattamento. Tuttavia, esiste un numero limitato di farmaci che non sono sicuri, quindi è meglio consultare sempre il proprio medico di base.

10. “Le donne con il seno piccolo non possono allattare.” Falso: la dimensione del seno non è correlata alla produzione di latte.

La forma e le dimensioni del seno sono influenzate dalla misura in cui si sviluppano i depositi di grasso all’esterno. Il tessuto ghiandolare, responsabile della produzione del latte, si trova all’interno del seno e si sviluppa in modo indipendente. Pertanto, né le dimensioni né la forma esterna del seno influenzano la capacità della madre di allattare.

Conosci altri “miti” sull’allattamento al seno che sono stati sfatati? Forse potrebbe essere utile per le mamme che ci seguono. Condividi ciò che sai nella sezione commenti.

Anteprima del credito fotografico Weird Beard/ Wikimedia, CC BY 2.0, Danr13/ Depositphotos
Il lato positivo/Famiglia e bambini/10 idee sbagliate sull’allattamento al seno che molte donne credono ancora che siano vere
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti