Il lato positivo
Il lato positivo

6 modelli di comportamento che possono trasformare le persone ragionevoli in genitori iperprotettivi

Tutti i genitori amano i propri figli: è del tutto naturale. Ma ci sono alcune mamme e alcuni papà che ritengono che la genitorialità dia loro diritti e benefici che non sono previsti, e che li rendano migliori e più saggi di altre persone. Sono felici di condividere la loro inestimabile esperienza quando nessuno la chiede, sprecano il tempo prezioso dei loro colleghi raccontando lunghe storie sui loro figli e richiedono che gli altri li lascino passare quando sono in fila al supermercato. Questi sono solo alcuni esempi del tipo di comportamento negativo che alcuni genitori possono assumere.

Noi de Il Lato Positivo pensiamo che non si dovrebbe mai essere esagerati, nemmeno in qualcosa di nobile come la devozione familiare. Abbiamo raccolto alcuni tra gli esempi più assurdi dell’amore dei genitori e i nostri studi dimostrano che tale comportamento non solo irrita gli altri, ma danneggia anche i genitori stessi e i loro figli.

1. Rompere gli standard sociali con la scusa del bambino

Per alcuni adulti, i bambini servono da autorizzazione per assumere determinati atteggiamenti anche se questi violano le regole generalmente accettate. Ci riferiamo a qualsiasi tipo di comportamento, da quello più serio a quello meno serio, come superare la fila al supermercato, spogliare un bambino in mezzo al parco per fargli fare pipì, o portare un figlio quasi adulto nel camerino di una donna. Se poi chiedi a questi genitori di astenersi dal fare queste cose, potrebbero iniziare a urlare e pretendere di avere uguali diritti.

2. Pensare che i figli abbiano sempre ragione

100 anni fa, i bambini seguivano semplicemente ciò gli veniva detto dai genitori e non avevano voce in capitolo in famiglia. Alcuni genitori moderni, al contrario, credono che il loro bambino sia il membro più importante della famiglia e che qualsiasi critica possa traumatizzarlo per tutta la vita.

Trovano spesso una giustificazione per qualsiasi cosa sbagliata faccia il proprio figlio. Ha picchiato altri bambini? Probabilmente hanno iniziato per primi. Ha rubato soldi a sua sorella? Probabilmente voleva farle uno scherzo. Ha mangiato dei dolci che non ha comprato nel negozio? È solo un ragazzino, aveva fame! Questi adulti spesso non vogliono essere responsabili dei cattivi atteggiamenti che assumono i propri figli e cercano di giustificarli con l’età e col fatto che crescendo, impareranno. Naturalmente, questo risulta molto fastidioso.

3. Credere di essere migliori delle persone senza figli

I bambini non sono per tutti nuovi membri della famiglia. A volte, servono per aumentare lo status sociale dei loro genitori. Alcuni adulti pensano che quando danno alla luce dei bambini, assolvano a una sorta di dovere civico e che il loro bambino li renda più importanti e significativi.

Sfortunatamente, questo è particolarmente evidente nelle persone che non hanno buoni risultati o interessi nella vita. Semplicemente, diventano genitori e si sentono persone migliori rispetto all’amico che ha una carriera di successo e niente figli, oppure considerano il loro amico immaturo perché va in vacanza 5 volte l’anno invece di mettere finalmente su famiglia. L’unica conseguenza che ne deriva è l’isolamento da parte delle persone più care.

4. Avere un atteggiamento sprezzante nei confronti del lavoro

Dopo il parto, alcune donne decidono di dedicarsi completamente alla crescita dei figli, cosa perfettamente normale, soprattutto quando questi sono numerosi. Tuttavia, si rendono conto che la loro scelta non è l’unica scelta giusta. Ci sono anche donne che vogliono tornare al lavoro il prima possibile e altre che addirittura sono pronte a rinunciare ad avere figli per avere una carriera di successo.

Le cose stanno in modo completamente diverso per le persone che credono che i loro figli siano la loro vocazione e professione. Queste madri richiedono alle altre persone di rispettarle per il semplice fatto che hanno dei figli e pensano seriamente che tutte le persone odino il loro lavoro e che lo facciano solo per soldi. Di conseguenza, assumono spesso un atteggiamento negativo nei confronti delle mamme che lavorano.

5. Essere fieri del fatto che i loro bambini vengano per primi

Alcuni genitori pensano che i loro figli debbano sempre avere il meglio del meglio. Una madre di famiglia può spiegare con orgoglio come ha rinunciato alla sua carriera di successo per prendersi cura di suo figlio, e un padre può ostentare la sua rinuncia a godersi qualche giorno di vacanza perché i suoi figli hanno sempre bisogno di qualcosa; di nuovi giocattoli, nuovi dispositivi e così via.

È davvero difficile dire quanto questo atteggiamento influisca negativamente o positivamente sui bambini. Un bambino che pensa di essere il centro del mondo resta immaturo e non si prende cura di se stesso, poiché pensa ci siano i suoi genitori a farlo al suo posto. Questo spesso porta a situazioni in cui i genitori anziani si trovano a doversi prendere ancora cura dei loro figli adulti perché non sanno affrontare la vita e hanno continuamente bisogno di aiuto.

6. Richiedere trattamenti speciali

Ovviamente, non ci riferiamo alla regola del far sedere una donna incinta nei trasporti pubblici, ma a qualcosa di più. Ad esempio, questi genitori spesso si prendono giorni di ferie o chiedono al loro capo di lasciarli andare a casa prima poiché hanno un figlio che li aspetta.

Chiedono alle persone in fila di avere la precedenza e di permettere loro di sedersi sulla panchina del parco perché il bambino ha bisogno di sedersi all’ombra. Tutte queste cose fanno pensare alle altre persone che questi genitori utilizzino i propri figli come un bonus per cercare di ottenere qualche favoritismo. E, naturalmente, questo atteggiamento irrita parecchio. È particolarmente fastidioso soprattutto per le persone che, pur avendo figli, non pretendono di ricevere qualcosa di più solo perché sono genitori.

Bonus: perché è pericoloso lasciare che la tua vita ruoti completamente intorno a tuo figlio

Secondo studi recenti, concentrare la propria attenzione su un bambino risulta dannoso sia per il bambino che per i genitori.

  • Molte giovani madri ammettono di essere depresse e insoddisfatte della mancanza di tempo libero e di attività sociale.
  • I giovani genitori sono spesso gelosi delle persone che non hanno figli poiché questi possono viaggiare di più e spendere molti più soldi per i propri hobby.
  • Le persone che si dedicano completamente ai propri figli spesso si sentono vuote e smarrite quando i figli crescono e lasciano la casa.
  • I bambini che ricevono troppe attenzioni durante l’infanzia spesso diventano ansiosi e suscettibili alla depressione, ed è difficile per loro abituarsi alla vita adulta perché non sono abituati a fare affidamento su loro stessi.

D’altra parte, i bambini che sono abituati a stare da soli crescono più felici e fiduciosi. E i genitori che hanno più tempo l’uno per l’altro e per i loro hobby preferiti divorziano meno spesso, e si sentono più a loro agio nelle proprie famiglie.

La vita è fatta di molte cose e i bambini ne sono una parte importante, ma non l’unica in assoluto. Hai mai incontrato genitori che hanno mostrato qualcuno dei comportamenti di cui abbiamo parlato sopra?

Il lato positivo/Famiglia e bambini/6 modelli di comportamento che possono trasformare le persone ragionevoli in genitori iperprotettivi
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti