Il lato positivo
Il lato positivo

16 dettagli della vita del 19° secolo che sconvolgerebbero le persone moderne

L’epoca vittoriana che prende il nome dalla regina Vittoria che governò la Gran Bretagna dal 1837 al 1901 è nota per la sua alta morale e le regole rigide, la cui violazione veniva condannata. Gli storici ritengono che i residenti del Regno Unito siano davvero cambiati in meglio verso la fine del XIX secolo. Ad esempio, sono diventati più gentili con gli animali, i malati di mente e i criminali.

Allo stesso tempo, era un periodo di bigottismo. Forse è difficile trovare un’epoca storica più controversa ed è per questo che noi de Il Lato Positivo non potevamo non scoprire com’era la vita per le persone di quei tempi.

  • L’oggetto più comune nel guardaroba di un uomo era chiamato “inexpressible” (inesprimibile) e “unspeakable” (indicibile). Questo perché copriva la parte del corpo considerata volgare. Stiamo parlando di pantaloni. Il fatto è che tutto ciò che riguardava gambe e braccia, che all’epoca venivano chiamate “limbs” (membra), era considerato inappropriato.
  • I bambini vedevano raramente i loro genitori. Passavano la maggior parte del tempo con le tate nella loro stanza. Dovevano alzarsi presto perché stare a letto era considerato segno di pigrizia e peccato. Molti bambini vedevano i genitori non più di una volta al giorno, ma in alcune famiglie madri e padri prestavano molta attenzione alla loro prole: la madre insegnava loro a leggere e scrivere e il padre insegnava loro il latino.
  • L’intelletto non era considerato un punto di forza per le donne. Alcuni credevano addirittura che l’apprendimento della scienza fosse dannoso per il corpo della fragile ragazza, specialmente per il suo sistema riproduttivo. Lady Caroline Lamb ha ricordato che non le era stato insegnato a leggere o scrivere fino all’età di 10 anni perché i suoi genitori avevano paura che avrebbe sofferto di attacchi nervosi. Il padre del futuro matematico, Jane Somerville, iniziò a preoccuparsi per la sanità mentale di sua figlia quando scoprì che leggeva di notte.
  • Alle ragazze non veniva detto come si facevano i figli o cosa le aspettava dopo il matrimonio. La scrittrice Marie Stopes è nata nel 1880. Sua madre era una suffragetta, si è laureata e ha combattuto per i diritti delle donne, ma sua figlia non sapeva nulla del rapporto matrimoniale. Marie si è sposata a 31 anni e 2 anni dopo, grazie ai libri, si rese conto che lei e suo marito non erano mai andati oltre i confini di una relazione platonica (cosa sbagliata).

Marie Stopes.

  • Nel 19° secolo, la Gran Bretagna fu travolta dall’Egittomania. Facoltosi turisti inglesi, che affollavano l’Egitto, cercavano di portare con sé una vera mummia come souvenir. Al ritorno dalle vacanze, organizzavano feste che comportavano lo scarto del loro trofeo. C’è persino una foto conservata di un invito a uno di questi eventi: lo srotolamento della mummia è previsto per le 2 del mattino.
  • Proprio nell’Inghilterra vittoriana è nato il giorno di San Valentino, nel formato che conosciamo oggi. Grazie alla riforma postale, le cartoline di San Valentino potevano essere spedite ovunque nel paese per solo 1 centesimo. Un anno dopo la riforma, in tutta la Gran Bretagna furono inviate 400.000 cartoline con dichiarazioni d’amore.
  • Le cartoline che insultavano il giorno di S. Valentino diventarono una sorta di risposta alle cartoline sentimentali. Venivano inviate a nemici e ammiratori indesiderati. Il contenuto di queste cartoline variava dall’umoristico all’offensivo. Venivano scritte per le persone con le quali non si aveva un buon rapporto, dai venditori e proprietari di case ai datori di lavoro potenti. Le cartoline ridicolizzavano sia la professione che l’aspetto del destinatario.

UNA SIMPATICA SIGNORINA.
Il sorriso, che appare sul tuo viso,
si allunga fino a toccare le orecchie.
Tu pensi senza dubbio sia una cosa piacevole,
invece, cara ragazza, è vomitevole.

  • Le cartoline, in generale, e soprattutto quelle natalizie, erano molto in voga a quei tempi. Ma le trame raffigurate su di queste erano piuttosto strane e persino spaventose: rane che scivolavano sul ghiaccio, persone con teste di uccelli e un’enorme barbabietola con una testa umana.
  • A metà del XIX secolo, la cultura gotica divenne popolare e influenzò la moda. Per far impallidire i volti, le donne succhiavano matite di piombo, bevevano aceto e si tingevano le vene.
  • La crinolina è uno dei simboli dell’epoca vittoriana. Fu introdotta dall’uomo britannico Charles Worth, che potrebbe essere definito il primo designer di abbigliamento professionale. Alcuni inventori mostrarono a Worth una sottoveste tesa su 3 cerchi. L’idea piacque al designer e presto anche i suoi clienti la approvarono. Questa costruzione aveva un vantaggio significativo: le donne non dovevano indossare più sottogonne.
  • Più la crinolina era voluminosa, più era considerata alla moda. Il suo diametro poteva raggiungere il metro e 70. Ci sono stati casi in cui le ragazze sono morte a causa di gonne soffici. Ad esempio, nel 1863, il quotidiano The Times riportò un incidente accaduto con una cameriera il cui vestito “dilatato da una crinolina” prese fuoco. Ci sono anche casi opposti. Ad esempio, nel 1885, Sarah Ann Henley sopravvisse dopo essere caduta da un’altezza di 75 metri. Alcune persone credono che sia stata salvata da una crinolina che fungeva da paracadute.

Ecco come appare la crinolina sotto una gonna.

  • Negli anni ’70 del XIX secolo, la crinolina fu sostituita da un sellino, un accessorio che fungeva da rivestimento, situato appena sotto la vita sul pannello posteriore della parte superiore della gonna, che delineava una silhouette caratteristica con un corpo inferiore convesso. Grazie a questo accessorio alla moda, la vita sembrava più stretta, ma la signora doveva ricorrere a numerose strategie per sedersi.
  • La vita sottile era al culmine della moda e le donne indossavano corsetti per creare una silhouette perfetta. Tuttavia, insieme alla vita, avrebbero anche compresso fortemente i loro organi interni, il che portava dei problemi relativi al flusso sanguigno, che facevano svenire le donne. L’aspetto della radiografia mostrava chiaramente cosa succede al corpo femminile con l’uso costante di un corsetto e salvò le donne di quei tempi da questo accessorio.
  • C’è una leggenda che dice che i vittoriani stringevano la vita fino a 45 cm, ma secondo la ricercatrice e collezionista di corsetti Doris Langley Moore, questi capi del guardaroba non venivano quasi mai stretti a più di 60 cm.
  • Il cappello a cilindro è uno dei capi più iconici del guardaroba maschile dell’Inghilterra vittoriana. Tuttavia, questo copricapo era troppo caldo, molto scomodo e poco pratico. Richiedeva anche una cura speciale: doveva essere stirato in un certo modo per far sì che i peli del cappello si stendessero correttamente. Era inoltre necessario pulirlo delicatamente con un panno di seta se la persona che lo indossava aveva trovato pioggia. Allo stesso tempo, il cilindro era il vero segno della rispettabilità di un gentiluomo.
  • Le cosiddette “ragazze a digiuno” causavano disordini pubblici nell’era vittoriana. Erano ragazze adolescenti che improvvisamente si rifiutavano di mangiare e credevano di poter vivere senza cibo. Dichiaravano anche di avere poteri magici. I medici dell’epoca attribuivano lo strano comportamento delle ragazze a frode o isteria. Mentre gli storici moderni sono inclini a credere che le giovani vergini probabilmente soffrissero di anoressia nervosa.

Ti piacerebbe visitare l’Inghilterra vittoriana? In quali altre epoche ti piacerebbe viaggiare?

Anteprima del credito fotografico Wikimedia Commons
Il lato positivo/Curiosità/16 dettagli della vita del 19° secolo che sconvolgerebbero le persone moderne
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti