Il lato positivo
Il lato positivo

Se una ragazza a caso inizia a comportarsi come se fosse tua amica in pubblico, tienile il gioco. Ecco perché

Contrariamente alla credenza popolare, parlare con estranei fa bene alla salute, secondo gli esperti. Tuttavia, anche se spetta alla singola persona desiderare di parlare con estranei o meno, se una donna si avvicina a te e fa finta di conoscerti, non prendere la cosa alla leggera.

Potrebbe esserci una ragione seria dietro il suo comportamento, e noi de Il Lato Positivo vorremmo parlarne con i nostri lettori.

Perché le donne sconosciute potrebbero comportarsi come se ti conoscessero?

Se una donna che non conosci si avvicina a te, inizia una conversazione e si comporta come se fosse tua amica, potrebbe essere nei guai. Potrebbe essere seguita o minacciata. Il suo avvicinarsi a te potrebbe essere un grido di aiuto. Secondo l’OMS, 1 donna su 3 è vittima di violenze e abusi.

Ecco perché dovresti stare al gioco

Per valutare meglio la situazione, continua a parlare con la donna e dai un’occhiata in giro. Fai attenzione alle persone o alle cose che sembrano strane. Inoltre, se è nei guai, potrebbe anche sudare, respirare velocemente, e mostrare altri segni di panico.

Prova questo trucco per chiedere con discrezione se qualcuno è nei guai.

Va notato che in rari casi, qualcuna potrebbe davvero scambiarti per un suo amico o addirittura avvicinarti per altri motivi. Per valutare meglio la situazione, quando la sconosciuta inizia a parlarti, puoi dire casualmente qualcosa come “Lascia che ti mostri il mio nuovo cane” o “Ricordi questa foto di noi?” e prendi il telefono senza farti vedere da nessuno. Digita “Sei nei guai?” e mostralo alla donna. Se dice di sì, sta discretamente chiedendo aiuto.

Se dovessi trovarti di fronte a una situazione simile, cosa faresti? Ti sei mai rivolto a uno sconosciuto per chiedere aiuto?

Il lato positivo/Curiosità/Se una ragazza a caso inizia a comportarsi come se fosse tua amica in pubblico, tienile il gioco. Ecco perché
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti