Il lato positivo
Il lato positivo

Trucchetti usati dalle persone nel corso dei secoli per proteggersi dal freddo

Gli esseri umani sono sempre stati fantasiosi quando si trattava della loro sopravvivenza. Ad esempio, più di 7.000 anni fa, è stato inventato un sistema di riscaldamento a pavimento mentre gli svedesi, adesso, utilizzano con successo le tecnologie Internet per riscaldarsi nelle loro case moderne.

Noi de Il Lato Positivo abbiamo deciso di scoprire quali trucchetti usano le persone di diversi paesi per tenersi al caldo quando fa freddo e quanto siano efficaci questi metodi.

Cina: molti strati di vestiti, finestre rivolte a sud e il “kang”, una piattaforma di mattoni.

Ci sono molte case in Cina che non hanno il riscaldamento centralizzato. Le persone benestanti si fanno installare termosifoni e tubi di riscaldamento a pavimento. Le vecchie generazioni e quelle che non hanno risorse sufficienti si tengono al caldo usando il metodo “mettere più strati di vestiti possibile”: infatti indossano diverse giacche contemporaneamente. Inoltre, a volte, in casa fa così freddo che devono indossare più vestiti dopo essere tornati dall’esterno, non viceversa.

Ecco altri modi che i cinesi tradizionalmente usano per riscaldare le loro case:

  • Costruiscono case con finestre e porte rivolte a sud. Allo stesso tempo, posizionano la casa in modo che il sole non entri troppo dalle finestre, pur assicurandosi di riuscire a riscaldare la dimora.
  • Ancora oggi è facile trovare nelle case dei villaggi piattaforme di mattoni riscaldate dal fuoco, chiamate stufe da letto Kang. Sono lunghe almeno 200 cm e talvolta occupano l’intero piano. Il Kang è più di una semplice stufa per i cinesi: viene usato come tavolo, letto e sedia. Una volta, le cerimonie nuziali e altri rituali si svolgevano sui Kang ricoperti di tappeti. In effetti, il Kang occupa l’intera stanza in quanto riscaldamento a pavimento e i cinesi l’hanno realizzato addirittura 7.000 anni fa.

Una donna cuce seduta su un Kang.

Giappone: yutanpo, kairo, and kotatsu.

Non c’è ancora il riscaldamento centralizzato in Giappone e le pareti delle case sono sottili come fogli di carta. Anche l’isolamento è pessimo, ecco perché il freddo arriva da ogni parte: dalle finestre, dalle porte e dai pavimenti. Il fatto è che molte case sono costruite per essere “usa e getta”. Il loro ciclo di vita è di 30 anni, dopodiché le case vengono demolite e ricostruite. Di conseguenza, le stanze possono essere piuttosto fredde anche nei caldi inverni. Ma i giapponesi sono ingegnosi e hanno trovato diversi modi per risolvere questo problema:

  • Per riscaldarsi di notte, i giapponesi si avvolgono nello yutanpo. In realtà si tratta solo di una borsa dell’acqua calda o di una bottiglia riempita con acqua calda. Questi termofori sono realizzati in plastica, alluminio e, meno spesso, gomma. Tuttavia, lo yutanpo ha alcuni svantaggi: tiene calda solo una parte del corpo e se chiudi il coperchio troppo stretto o lo riempi di acqua troppo calda, puoi svegliarti con ustioni sulla pelle.
  • Inoltre, i giapponesi indossano i kairo, minuscoli scaldini che sembrano cuscinetti con gel. Se ne scuoti uno tra le mani o lo accartocci mentre muovi il gel all’interno inizia a generare calore. Queste borse possono essere messe nelle scarpe o in tasca, mentre altre, realizzate in velcro, possono essere attaccate direttamente ai vestiti.
  • Anche il tavolo kotatsu aiuta a tenere al caldo i giapponesi: in realtà è solo una coperta che viene utilizzata per coprire il tavolo con una stufa, ma diventa il fulcro della casa durante le serate fredde dove tutta la famiglia si riunisce per conversare, guardare la TV o giocare.
“Ieri ci è stato consegnato il kotatsu. È un tavolino basso con un fornello elettrico all’interno coperto da una spessa coperta e da un piano d’appoggio. Ora è il fulcro della nostra vita familiare e il calore della nostra casa. Intorno al kotatsu, lavoriamo, beviamo il tè, ci scaldiamo i piedi la sera e ci avvolgiamo nella coperta.”

USA, Paesi Bassi e Germania settentrionale: stufa a pedale.

La stufa a pedale era una scatola di legno che conteneva una ciotola o una pentola di ceramica o di metallo con dei carboni ardenti al suo interno. Nella parte superiore della scatola c’erano dei fori attraverso i quali usciva l’aria calda. Mettendoci sopra i piedi e coprendo la scatola con vestiti lunghi o una coperta, ci si poteva scaldare davvero. Nel XIX secolo, negli Stati Uniti, queste “sedievenivano spesso portate per sedersi sulle panche durante le lunghe funzioni religiose per non prendere freddo.

I poveri che viaggiavano su carri o slitte si riscaldavano a modo loro: portavano con sé mattoni riscaldati o usavano un ferro o una patata al forno come termoforo.

Israele: zuppa calda e pantofole a scacchi.

Israele è un paese caldo, ecco perché le case estive vengono costruite principalmente lì. Di conseguenza, durante quei brevi periodi invernali fa davvero freddo: le piastrelle del pavimento diventano ghiacciate, le fredde pareti di cemento e le stanze piene di spifferi tolgono tutto il calore che potrebbe esserci all’interno. Ma oltre ad accendere i termosifoni e i condizionatori d’aria con funzione di riscaldamento, hanno trovato alcuni modi più semplici per riscaldarsi in inverno:

  • Installare caminetti a legna, a gas o elettrici e riscaldamento a pavimento.
  • Bere molto tè e non girare per casa senza calzini caldi o apposite pantofole a scacchi.
  • Mangiare la zuppa di pollo calda con verdure e cous cous.

Finlandia: dalla sauna all’energia della natura.

Sin dai tempi antichi, i finlandesi si crogiolano nelle saune. Inoltre, le saune non erano solo un luogo dove ci si poteva lavare: in inverno fungevano da abitazione. La sauna era solo un buco nel terreno senza finestre. All’interno di questo buco c’era un mucchio di pietre che veniva mantenuto caldo bruciando grandi quantità di legna che si trovava al di sotto. Dopo 6-8 ore di riscaldamento, il fumo veniva rilasciato attraverso una botola e si poteva entrare per godersi il calore.

Le case moderne in Finlandia hanno anche un buon isolamento termico e, spesso, hanno vetri tripliaddirittura quadrupli o quintupli. Molte case sono collegate a un sistema di riscaldamento centralizzato. Tuttavia, il 70% dei nuovi edifici sono piccole case costruite utilizzando pompe di calore che convertono fonti di calore esterne (acqua, aria) in energia. Sono di piccole dimensioni e non necessitano carburante.

Gran Bretagna e Stati Uniti: dagli scaldini in ottone alle coperte elettriche.

Nei film i caminetti sono associati all’intimità e al calore ma, in realtà, non erano affatto utili: la maggior parte del calore lasciava la casa proprio attraverso il camino. Anche se il fuoco fosse stato acceso in casa tutto il giorno, la temperatura nella stanza raramente superava lo zero e, in parole povere, il cibo si congelava. Allo stesso tempo, normalmente c’era una stanza che veniva riscaldata dove si riunivano tutti i membri della famiglia, anche nelle case più grandi. Per non prendere freddo durante il sonno, chi viveva in Gran Bretagna e negli Stati Uniti usava numerosi trucchetti:

  • La gente andava a letto indossando cappelli e vestiti di lana su cui venivano indossate camicie da notte. Dovevano anche coprirsi con più coperte contemporaneamente.
  • I letti venivano riscaldati con l’aiuto di scaldini di ottone che sembravano grandi pentole piene di carboni ardenti, che venivano poste tra le lenzuola di lino.
  • Successivamente sono stati sostituiti con scaldini di gomma, riempiti con acqua calda. All’inizio del XX secolo furono sostituiti con coperte elettriche. Tuttavia, non era sicuro dormire sotto di loro fino all’inizio del XXI secolo: potevano appiccare fuoco in quanto non si spegnevano quando si surriscaldavano.
“Ho trascorso la mia infanzia nel Regno Unito nel dopoguerra. Siamo stati ’fortunati’: la nostra casa era nuova ed era dotata di riscaldamento centralizzato che consisteva in una caldaia a carbone delle dimensioni di una scatola di fiammiferi e richiedeva lo sforzo di tutti gli addetti della sala caldaie del Titanic per nutrire le sue minuscole fauci spalancate. Era una macchina per consumare carbone. Non ha mai riscaldato i termosifoni oltre i 2°C.Avevamo un fuoco a carbone nel soggiorno. Era fantastico se eri a distanza di 15 cm, con la faccia incandescente e la schiena che tremava ghiacciata, le finestre erano di metallo e avevano delle fessure, lasciando così che il vento passasse ininterrottamente. Immagina di andare a letto la sera con Jack Frost che ricopre l’interno della camera da letto: ti metti a letto (con le lenzuola di cotone fredde come il ghiaccio), completamente vestit*, spingendo la borsa dell’acqua calda fatta di gomma davanti a te con i piedi (ahi, ahi). Era meglio avvolgere prima il pigiama intorno alla borsa dell’acqua calda. Una volta sotto le lenzuola, i brividi diminuiscono, ti togli i vestiti e li appendi alla sedia senza alzarti dal letto. Quindi recuperi il pigiama dalla borsa dell’acqua calda e lo indossi. Beatitudine. Ora si può russare...”

Svezia: calore emesso dalle persone e dalla loro attività su Internet.

La maggior parte della Svezia è passata a sistemi di riscaldamento per la casa che siano rispettosi dell’ambiente. In molte case qui, usano il riscaldamento geotermico utilizzando il calore naturale della terra, da cui deriva un’atmosfera accogliente. Tuttavia, è piuttosto costoso installare questo sistema che di solito ripaga dopo circa 8 anni. Altri modi per riscaldarsi sono però altrettanto interessanti:

  • Molti svedesi installano pannelli solari vicino alle loro case fornendo così calore alle loro abitazioni, quasi gratuitamente, per tutta la vita.
  • Tutte le foto e i post che pubblichiamo su Instagram e Facebook sono conservati in enormi magazzini di server. Uno di questi, situato a Stoccolma, apporta benefici reali alla sua gente: tutto il calore che crea viene utilizzato per riscaldare le case dei residenti di questa città.
  • È stato anche dichiarato che il calore emesso dai passeggeri sui treni verrà trasformato in riscaldamento per l’ufficio più vicino. Il calore in eccesso verrebbe rimosso attraverso il sistema di ventilazione e riscalderebbe i tubi dell’acqua degli uffici.

Come ti tieni al caldo in inverno? Hai dei piatti e delle bevande preferiti che consumi durante le serate più fredde?

Il lato positivo/Curiosità/Trucchetti usati dalle persone nel corso dei secoli per proteggersi dal freddo
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti