Il lato positivo
Il lato positivo

12 caratteristiche degli appartamenti giapponesi che deliziano e terrorizzano i turisti allo stesso tempo

Il Giappone è un paese che ha una cultura drasticamente diversa da quella a cui siamo abituati. I giapponesi non fanno il bagno nelle vasche da bagno, attaccano i loro armadi al soffitto con l’aiuto di dispositivi speciali e non fanno bollire l’acqua in un bollitore.

L’editoriale de Il Lato Positivo ha scoperto con piacere quali peculiarità delle case e degli appartamenti giapponesi fanno gioire e inorridiscono gli stranieri allo stesso tempo.

1. Molte persone in Giappone dormono sui materassi, non sui letti.

Molti giapponesi dormono su letti futon, materassi di cotone spesso. I futon vengono messi sul pavimento durante la notte e poi vengono rimossi e riposti in un armadio al mattino. In questo modo si risparmia spazio nella stanza. La maggior parte degli appartamenti giapponesi è molto compatta e non c’è spazio dove mettere un letto o un divano.

Anche alcuni hotel in Giappone usano i futon al posto dei letti.

2. Alcune persone dormono con una moglie di bambù o con un cuscino speciale.

Avere un tubo di bambù di dimensioni umane, o “una moglie di bambù”, è una cosa molto popolare tra gli asiatici. Lo usano come cuscino perché abbracciarne un vero di notte non è molto comodo o piacevole a causa del clima caldo e umido.

3. I giapponesi non hanno ingressi, ma genkan.

Genkan è la zona vicino alla porta d’ingresso dove i giapponesi si tolgono e lasciano le scarpe. Questo spazio separato dalla sala principale tramite una soglia impedisce che l’ingresso sia sporco e che la polvere arrivi in casa.

4. L’omelette in Giappone viene cotta in una speciale padella rettangolare.

Le omelette arrotolate sono estremamente popolari in Giappone. Vengono cotte in una speciale teglia rettangolare (non quella tonda a cui siamo abituati), che rende gli involtini uniformi e ordinati. Questo tipo di padella si chiama Makiyakinabe o Tamagoyaki.

5. C’è un posto segreto in quasi tutte le cucine giapponesi.

Nelle loro cucine, molti giapponesi hanno uno spazio extra per conservare cibo, bottiglie o utensili. È costruito direttamente nel pavimento.

6. Le lavatrici non solo lavano i vestiti, ma li asciugano anche.

Le lavatrici con asciugatrici integrate sono molto popolari in Giappone. Tuttavia, gli stranieri sottolineano che questo metodo non è molto conveniente perché anche se si imposta la modalità di asciugatura per diverse ore, i vestiti resteranno comunque leggermente umidi alla fine.

C’è una soluzione a questo problema: un ventilatore integrato nel bagno.

7. Spesso vedrai lavandini in miniatura sui water in questo paese.

Il meccanismo è abbastanza semplice: quando scarichi lo sciacquone l’acqua dal rubinetto arriva al lavandino, in modo da darti la possibilità di lavarti le mani, e poi scende nel water. Questa configurazione aiuta a risparmiare un po’ sulla bolletta dell’acqua.

8. I bagni giapponesi sono un po’ diversi dai nostri. Le vasche da bagno, a volte, non hanno rubinetti.

La cultura del bagno in Giappone è totalmente diversa dal resto del mondo. Per prima cosa, devi fare una doccia e lavarti bene il corpo. Solo dopo averlo fatto, puoi immergerti nella vasca da bagno. Se l’impianto idraulico è nuovo, di norma viene controllato con l’aiuto di un pannello speciale. Non è necessario ruotare il rubinetto per regolarla: è sufficiente accendere il pannello e indicare su di esso la temperatura necessaria. L’acqua arriverà attraverso uno scarico speciale.

Utilizzando lo stesso sistema elettronico è possibile reindirizzare l’acqua usata alla lavatrice o al lavello della cucina. Poiché i giapponesi si lavano prima di fare il bagno, l’acqua rimane pulita e adatta per un secondo utilizzo.

9. Alcuni giapponesi usano pali speciali per armadi e armadietti.

Questi pali hanno una base adesiva: vengono incollati all’armadio o al mobile da un lato e al soffitto dall’altro. Per gli armadi molto più bassi del soffitto (come un frigorifero, ad esempio), usano speciali cuscinetti adesivi che vengono incollati sulle gambe da un lato e al pavimento dall’altro. Il motivo è abbastanza semplice: se si verifica un terremoto, i pali non faranno cadere i mobili.

10. Le cucine giapponesi spesso non hanno il forno.

Non tutte le cucine giapponesi hanno i forni a grandezza naturale a cui siamo abituati. I giapponesi usano forni a microonde che hanno tutte le funzioni necessarie integrate. Inoltre, molte cucine hanno un piccolo forno per cuocere il pesce sotto i fornelli.

11. Molte persone usano boiler particolari invece di semplici bollitori.

Potresti trovare un piccolo boiler particolare invece di un semplice bollitore in molte cucine giapponesi. È usato per preparare tè, caffè e noodles. Ha un grande vantaggio rispetto a un normale bollitore: puoi impostare una temperatura più bassa di quella di ebollizione se non hai bisogno di acqua bollente.

12. Una delle cose principali che tutti hanno in casa sono gli assorbitori di umidità.

Il clima in Giappone è molto umido, motivo per cui i locali combattono attivamente la muffa durante l’estate. Usano aeratori e assorbitori di umidità come principali misure preventive. Questi ultimi vengono solitamente riposti negli armadi e nei ripostigli. Puoi acquistare queste cose in qualsiasi farmacia locale o in un negozio di elettrodomestici.

Ti piacerebbe visitare un appartamento giapponese e provare tutte queste curiose cose locali?

Anteprima del credito fotografico Fg2 / wikipedia
Il lato positivo/Luoghi/12 caratteristiche degli appartamenti giapponesi che deliziano e terrorizzano i turisti allo stesso tempo
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti