Il lato positivo
Il lato positivo

La storia di Catherine Zeta-Jones e Michael Douglas dimostra che l’amore non ha età

Quando cerchiamo una persona speciale che dovrebbe farci sentire le farfalle nello stomaco e farci innamorare, di solito, cerchiamo qualcuno con determinate caratteristiche. E a volte, una di queste è l’età. In realtà, per molte persone, questo è un fattore fondamentale, ma per altre non lo è affatto.

Quest’ultimo è il caso di Catherine Zeta-Jones e Michael Douglas. Per loro l’età non ha mai avuto alcuna importanza. Douglas ha circa 25 anni più di sua moglie e fino ad oggi sono una delle coppie più stabili ad Hollywood.

Nonostante i pregiudizi, dopo 20 anni la loro storia va ancora forte, e noi de Il Lato Positivo, vogliamo raccontarti di come l’età non conta quando c’è di mezzo l’amore.

Catherine Zeta-Jones è nata il 25 settembre 1969 e ha iniziato la sua carriera a soli 15 anni. È diventata popolare nel suo paese d’origine, il Regno Unito, nel 1990, grazie allo show televisivo The Darling Buds of May. Ma è diventata veramente famosa in tutto in mondo soltanto nel 1998, dopo il suo ruolo in La maschera di Zorro, al fianco di Antonio Banderas. Il successo di quel film non solo le ha dato fama, ma durante la promozione, ha incontrato l’uomo che sarebbe diventato l’amore della sua vita, l’attore Michael Douglas.

È interessante menzionare che anche Michael Douglas è nato il 25 settembre, ma 25 anni prima di lei. Come figlio del popolare attore, Kirk Douglas, quando andava a trovare il padre durante le vacanze estive trascorreva il suo tempo tra i set cinematografici. Viveva principalmente con la madre, poiché i suoi genitori erano divorziati. Seguendo le orme del padre, ha iniziato ad amare il cinema e ha scelto di recitare, nonostante il padre fosse contrario. Ha debuttato nel 1966 e anni dopo ha creato la sua società di produzione cinematografica, la Big Stick Productions.

Nel 1997, la vita di Zeta-Jones ha preso una svolta. Si è trasferita negli Stati Uniti per lavorare ad Hollywood e, dopo molte audizioni, ha ottenuto il ruolo di Elena nel film sullo spadaccino mascherato.

Non solo ha raggiunto nuove vette professionali, ma il suo futuro marito era proprio dietro l’angolo. Douglas, che era già un peso massimo nel settore, dopo averla vista nel film, ha voluto incontrarla, anche se doveva essere per motivi puramente professionali: “Stavo andando a un festival del cinema. Pensavo che Michael Douglas volesse incontrarmi per lavoro perché sapevo che era un produttore oltre che un attore. Ne ero convinta e pensavo solo al fattore professionale, del resto stavo andando a un festival del cinema, ed è lì che vengono stipulati gli accordi cinematografici. Quindi non ho mai pensato, ’Oh mio Dio, vuole uscire con me.’ [...] E poche ore dopo avermi incontrata, mi ha detto che voleva diventare il padre dei miei figli. A quel punto ho capito che non era per lavoro.”

Sebbene non fosse molto convinta dalla sua proposta, Douglas insistette e si parlarono via telefono per un po’, poiché i loro impegni non li consentivano di vedersi fisicamente. Tuttavia, l’amicizia era forte e in seguito si trasformò in una relazione romantica.

Hanno detto “sì” nel novembre 2000, durante il loro matrimonio al Plaza Hotel di New York. Eppure, non solo hanno celebrato e suggellato il loro amore per sempre, ma hanno anche dato via alla loro famiglia, poiché 3 mesi prima avevano dato il benvenuto al loro primo figlio, Dylan. Il piccolo è entrato a far parte della famiglia, che all’epoca era composta dalla coppia e Cameron, il figlio maggiore dell’attore da un precedente matrimonio. Anni dopo, nel 2003, hanno avuto la loro seconda figlia, Carys.

Ma in ogni storia d’amore c’è sempre un momento difficile e, sfortunatamente, loro non hanno fatto eccezione. La loro felicità è stata interrotta quando, nel 2010, all’attore è stato diagnosticato un cancro alla gola. Fortunatamente, lo ha sconfitto. Ma la Zeta-Jones è rimasta molto scossa dalle condizioni del marito e ha avuto un crollo mentale. In seguito, le è stato diagnosticato un disturbo bipolare, e ha scelto il ricovero temporaneo.

Quegli anni turbolenti hanno segnato entrambi, così hanno deciso di trascorrere del tempo separati per valutare le cose e lavorare sul loro matrimonio.

Ma l’amore può superare qualsiasi ostacolo, e la separazione li ha resi solo più forti: “C’è voluto molto lavoro da parte di entrambi.”, ha detto Douglas. “Non credo che ci siano molte possibilità di aggiustare una relazione se uno dei due ci ha già rinunciato. Penso che siamo entrambi più tranquilli e più saggi.”. Ha anche detto che hanno una relazione molto onesta e che la trasparenza è un fattore molto importante per loro. “Condividiamo tutto [...]. Penso che in questo modo sia più limpido e tutti sanno cosa sta succedendo.”, ha detto.

Forse questo è il loro segreto per mantenere viva la loro relazione e la loro famiglia, con i figli che ora sono giovani adulti e il più grande che gli ha già dato due nipotini.

L’anno scorso hanno festeggiato 20 anni insieme e lei ha ammesso che più invecchia, più si assomigliano, poiché sente che il divario di 25 anni si sta riducendo sempre di più.

Anche se la differenza di età è molta, non è mai stato un problema per loro: “Storicamente, era normale che un uomo più anziano stesse con una donna più giovane. Ma poi, nel mondo moderno, è diventato tutto molto strano. Quando mia madre mi parlava degli uomini e della vita, non mi ha mai condizionato sul fattore età. Ed è divertente perché Michael e i miei genitori hanno la stessa età e quando ci vedono insieme, non sentono questa differenza”, ha detto Catherine. Ha anche aggiunto che suo marito non l’ha mai fatta sentire in difetto.

Attraverso i loro account Instagram ci mostrano la loro meravigliosa relazione facendoci vedere quello che fanno l’uno per l’altro, come il compleanno che festeggiano insieme, le loro uscite e gli eventi importanti nella loro vita. La loro famiglia continua a crescere e il loro amore è forte come all’inizio, servendo da esempio: dopo le peggiori tempeste esce sempre il sole, e quando c’è l’affetto e la comprensione, l’età è solo un numero.

Quale pensi sia la sfida più grande per una coppia che ha un grande divario d’età? Quali sono le caratteristiche che dovrebbe avere il tuo partner ideale, che sia più grande o più giovane di te?

Il lato positivo/Persone/La storia di Catherine Zeta-Jones e Michael Douglas dimostra che l’amore non ha età
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti