Il lato positivo
Il lato positivo

Un papà gay single ha adottato un bambino malato che ora è campione olimpico

Jerry Windle, un papà single gay, veniva sempre detto che non sarebbe mai diventato padre. Difficilmente credeva al fatto che lo sarebbe potuto diventare per davvero, ma un giorno la sua vita cambiò completamente. Il suo viaggio genitoriale è una favola che prende vita, ed è la prova che un cuore misericordioso può vincere qualsiasi battaglia.

Qui a Il Lato Positivo crediamo fermamente che l’amore genitoriale possa fare miracoli e superare ogni tipo di pregiudizio e stereotipo sociale. Ci piacerebbe che anche tu ti immergessi nella storia di un uomo single con un grande cuore che ha cresciuto un campione olimpico con un passato da orfano abbandonato.

1. Tutto è iniziato con un articolo su una rivista.

Jerry Windle, un papà gay single, voleva diventare padre a tutti i costi. Mentre lottava per adottare un bambino negli Stati Uniti, un giorno ha scoperto su una rivista la storia di un bambino orfano in Cambogia. Non ha esitato un momento a contattare gli ufficiali cambogiani e subito ha ricevuto una notizia che gli ha cambiato la vita.

Nel giugno del 2000, Jerry si è precipitato a Phnom Penh, in Cambogia, dove il suo futuro figlio Jordan viveva in orfanotrofio sin dalla morte dei suoi genitori naturali. Il bambino soffriva di malnutrizione, scabbia e gravi infezioni. Jerry tornò a casa in Florida, lo riportò in salute e divenne sin da subito suo padre.

2. La nuova famiglia incontrò numerosi ostacoli all’inizio.

Appena arrivarono negli Stati Uniti insieme, incontrarono molti ostacoli. Jordan soffriva di problemi cardiaci, era esausto e debole e comunicava con Jerry attraverso il linguaggio dei segni prima di imparare l’inglese.

A quel tempo, Jordan aveva 2 anni ma pesava solo 7 kg. Suo padre non era sicuro che ce l’avrebbe fatta. Ma promise che avrebbe fatto tutto quello che era in suo potere per far sì che il figlio non soffrisse ancora. C’era già tanto amore che superava ogni barriera.

3. Una straordinaria carriera olimpica iniziò accidentalmente.

Il sogno olimpico di John iniziò all’età di 7 anni. Attirò l’attenzione di Tim O’Brien, il figlio di un famoso allenatore di immersioni, Ron O’Brien. Così Jordan riuscì ad entrare in un programma speciale di immersioni e iniziò a raggiungere i suoi primi successi.

Proprio durante questo periodo incontrò la medaglia olimpica d’oro e attivista LGBT Greg Louganis. Fu anche soprannominato “il piccolo Louganis.”

Dopo 3 prove olimpiche, una all’età di 13 anni e un’altra all’età di 16, Jordan ha realizzato il suo sogno durato 15 anni e si è qualificato per l’evento della piattaforma maschile.

4. Padre e figlio hanno stretto un legame sempre più forte durante gli anni.

Oggi Jordan gareggia per gli Stati Uniti alle Olimpiadi e nel suo cuore rappresenta anche la Cambogia. Di recente si è fatto tatuare la bandiera della Cambogia sul braccio in modo che la gente possa vederla quando si tuffa.

Padre e figlio hanno celebrato la loro storia in un libro per bambini di cui sono co-autori nel 2011. Il libro, intitolato An Orphan No More: The True Story of a Boy, racconta la storia di un gallo a cui è stato detto da altri animali che poteva essere padre senza una gallina. Un giorno si imbatte in un uovo che nessuno vuole. Quello che si schiude è un anatroccolo e, nonostante il loro aspetto diverso, i 2 dimostrano che “dove c’è amore, c’è famiglia”.

Conosci o hai in famiglia altri esempi di genitori guaritori?

Iscriviti al nostro podcast su SpotifyApple podcasts per goderti le nostre migliori storie e regalare una vera melodia alle tue orecchie.

Il lato positivo/Persone/Un papà gay single ha adottato un bambino malato che ora è campione olimpico
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti