Il lato positivo
Il lato positivo

9 modi per approcciarti con i figli altrui quando questi sono fonte di guai

Avere un figlio equivale ad acquisire il superpotere della pazienza eterna. Tuttavia, avere a che fare con i figli degli altri può essere un grattacapo per chi non è abituato o per chi non sa quali limiti, da adulti, si dovrebbero porre a un bambino che non si conosce.

Per non mettere in gioco la tua sanità mentale, o discutere con gli altri genitori per come ti sei rivolto ai loro figli, Il Lato Positivo ti offre una serie di suggerimenti su come comportarti in modo appropriato quando hai a che fare con bambini maleducati per i quali non sei la loro “mamma” o il loro “papà”.

1. Non intervenire se non è necessario.

È normale che i bambini litighino. Anche le piccolezze per loro significano tanto. Si consiglia di non intervenire a meno che la situazione non sfugga di mano. Il tuo intervento precoce può abituare tuo figlio al fatto che quando è nei guai, i suoi genitori verranno in soccorso e, per questo, non impareranno mai a cavarsela da soli.

Tuttavia, se il conflitto diventa più aggressivo, dovresti agire e incoraggiare i bambini a confrontarsi e a condividere il proprio punto di vista, facendogli sempre capire che le aggressioni fisiche non servono a nulla.

2. Usa una “voce da maestra”

Parlare in modo aggressivo a un bambino è in realtà un tipo di violenza. Questo è particolarmente vero se si tratta del figlio di qualcun altro o se non sai cosa sta succedendo o quali potrebbero essere le conseguenze del tuo rimprovero.

Il modo migliore per gestire un bambino che si comporta male, secondo gli esperti di etichetta, è usare la tua “voce da maestra”, cioè un tono forte e autorevole, ma anche gentile. Devi fargli capire che il loro comportamento è sbagliato, ma nel modo in cui vorresti che ti parlassero se fossi un bambino.

3. Reindirizza la situazione

Ci possono essere situazioni in cui un bambino si comporta male e i genitori, anche se presenti, non ne fanno un grosso problema.

Prima di rimproverare i genitori e richiamare l’attenzione sul figlio, puoi reindirizzare l’azione del bambino offrendo altre opzioni. Ad esempio, se stanno giocando in casa e toccando cose che non dovrebbero o se corrono per casa, invitali a giocare in cortile, oppure offri loro un gioco da tavolo o qualche altra attività o compito per reindirizzare il loro comportamento espansivo verso qualcos’altro.

4. Spiega ai genitori il perché del tuo intervento

Quando il genitore del bambino non è testimone di una situazione in cui la sicurezza del bambino o di altri è a rischio a causa del suo cattivo comportamento, è chiaro che bisogna agire per garantire il benessere di tutti. Tuttavia, il bambino rimproverato potrebbe interpretare male la tua reazione e raccontare un’altra versione della storia ai genitori, facendoti apparire come la persona cattiva.

Un assistente sociale ti consiglierà di raccontare ai genitori cosa è successo prima che il bambino abbia la possibilità di farlo, evitando così malintesi e malumori.

5. Dai ai genitori il tempo di agire

La cosa più importante da ricordare è che i genitori dei bambini problematici sono quelli incaricati di correggere il loro comportamento, non tu. Quindi, se ti trovi in una situazione in cui un bambino non si comporta in modo adeguato, gli esperti di etichetta consigliano di concedere abbastanza tempo ai genitori per rendersi conto di ciò che sta facendo il loro figlio e lasciare che siano loro ad agire e a rimproverarlo, senza bisogno del tuo intervento

Inoltre, non condividere i tuoi pensieri su cosa avresti fatto o come avrebbero dovuto farlo, conoscono il bambino meglio di chiunque altro, e sanno cosa fare.

6. Non esporre tuo figlio a un altro bambino che non si comporta bene.

Gli esseri umani sono socievoli per natura, ma un bambino potrebbe non rendersi conto quando qualcuno della sua cerchia ha una cattiva influenza su di lui. Come spiega un educatore, gli effetti di una persona dirompente sull’infanzia possono avere conseguenze nell’età adulta. Inoltre, un bambino facilmente impressionabile può essere segnato da questo tipo di evento fino all’adolescenza.

Ecco perché, come genitore responsabile, dovresti tenere tuo figlio lontano dalle cattive compagnie, ma devi farlo nel modo giusto, senza concedergli la minima possibilità di prendere la decisione di non obbedire. Ad esempio, non chiedere loro se preferiscono andare in un’altra area giochi per allontanarsi da quella persona, ma puoi inventare qualche scusa in modo che decidano di stare alla larga da quel tipo di bambino in modo inconsapevole.

7. Quando ci sono bambini al ristorante

Ci sono posti appositi dedicati alle famiglie, quindi se la presenza di bambini potrebbe darti fastidio, la cosa migliore da fare prima di andare è chiedere se di solito ci sono molti bambini. Puoi anche prenotare il tuo tavolo in un luogo più tranquillo, o chiedere di essere spostato in un posto più tranquillo se la tua pazienza con i figli altrui si esaurisce facilmente.

Quando non hai nessuna di queste possibilità, non hai altra scelta che essere paziente. Ricorda come eri tu da bambino e cosa facevi a quell’età, o come si comportavano i tuoi figli nei luoghi pubblici. D’altra parte, a volte non è colpa dei bambini, ma degli adulti che li accompagnano e non si assumono la responsabilità del loro comportamento.

8. Quando un bambino che non ti piace viene a casa tua

Ciò che può essere divertente o carino per tuo figlio può rivelarsi una cattiva influenza. Se non ti piace l’amico di tuo figlio, è normale perché vuoi il meglio per lui e va bene preoccuparsi della sua cerchia di amici. Ma proibirgli di uscire con quell’amico non è la soluzione, perché potrebbe spingerlo maggiormente verso questa persona e potrebbe anche metterti nei guai con i suoi genitori se scoprono che non vuoi che trascorrano del tempo insieme .

Per far fronte a questa situazione, uno psicologo condivide alcuni consigli:

Il primo è conoscere il bambino in modo da poter scoprire le sue qualità positive, e ciò fa sì che tuo figlio venga attratto da lui.

Il secondo è essere un ospite gentile: devi mostrare a tuo figlio che è bello ospitare amici a casa. Inoltre puoi tenerli d’occhio e intervenire gentilmente se le cose iniziano a complicarsi.

Il terzo è spiegare loro le regole della casa, in modo che possano seguirle. Se non le conoscono, è probabile che non le seguano e non sarà colpa loro.

9. Quando un bambino si comporta male in un negozio

Andare in un negozio può essere eccitante per i bambini, perché hanno la possibilità di mettere le mani su molte cose che gli piacciono, ma che non possono comprare. Questo di solito è causa di pianti, scoppi d’ira e cattivi comportamenti a cui gli altri clienti devono assistere.

Ma prima di dire qualsiasi cosa, ricorda che i genitori sono probabilmente imbarazzati, sconvolti e a corto di idee per calmare il bambino, quindi arrabbiarsi e trattarli male non farà che peggiorare le cose. Inoltre, ricorda che i capricci a questa età sono normali e che i bambini stanno imparando come comportarsi nei luoghi pubblici. Sii paziente e ricorda che sarai fuori di lì in pochi minuti.

Bonus: Quando un altro adulto rimprovera tuo figlio

Ora hai alcuni suggerimenti che puoi seguire quando incontri un bambino che si comporta male, ma cosa possiamo fare quando la situazione è opposta e un adulto sgrida i nostri figli? Sicuramente ti verrà voglia di sgridarli e ti arrabbierai per il modo in cui si rivolgono al tuo piccolo. Ma questa non è la via per la pace: ci sono modi migliori per affrontare la situazione.

Non dovresti mostrare aggressività, poiché insegneresti a tuo figlio che questo è il modo per risolvere i conflitti. Dovresti anche parlare con l’adulto in questione per esprimere il tuo disaccordo con le sue azioni, ma non davanti al bambino per non indebolirlo, soprattutto se ti è vicino. D’altra parte, è importante comprendere l’adulto se siamo d’accordo con la sua decisione, ma non dimenticare di parlare con il bambino di quello che è successo e spiegargli tutto, di modo che capisca dove ha sbagliato.

Qual è la situazione più imbarazzante o divertente che hai vissuto con il figlio di qualcun altro? Sei riuscito a risolverlo?

Il lato positivo/Consigli e trucchi/9 modi per approcciarti con i figli altrui quando questi sono fonte di guai
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti