Il lato positivo
Il lato positivo

18 storie inquietanti di bambini che hanno causato notti insonni ai loro genitori

A volte capita che i bambini che hanno appena iniziato a parlare dicano cose che possono far venire i brividi lungo la schiena. Alcune delle loro storie potrebbero essere solo frutto della loro immaginazione o forse le hanno ascoltate in un cartone animato o durante una conversazione tra adulti, ma quando menzionano membri della famiglia di cui non hanno mai sentito parlare, molti di noi potrebbero iniziare a pensare che stia succedendo qualcosa di soprannaturale.

  • Quando mio figlio aveva 3 anni, si fermò nell’atrio e chiamò qualcuno per nome. Ci spaventammo davvero tanto perché disse il nome del suo nonno defunto, che non aveva mai visto in vita sua. © Leyla Shadiyeva
  • Quando mio figlio era più piccolo, diceva di avermi scelto lui stesso. E quando una volta lo portai a letto, puntò il dito da qualche parte dietro di me e disse “signore”. Ero così spaventata che ho subito cercato di parlare di qualcos’altro. © Alena Godcat
  • Prima che mia figlia compisse 5 anni, diceva sempre la stessa cosa: “Se mi offendi, me ne vado e vado dai miei genitori francesi”. Le chiedevo: “Chi sono e come li conosci?” e lei rispondeva: “Sono i miei precedenti genitori.” © Dana Zharaspayeva
  • Dal momento in cui mia figlia ha iniziato a parlare fino al giorno in cui ha compiuto 3 anni, diceva ogni giorno che il nome di suo marito sarebbe stato Steve e che avrebbero avuto 10 figli. Andava tutto bene, se non fosse stato per il fatto che il nome del marito della mia defunta nonna era Steve e che avevano avuto 10 figli. Non ne abbiamo mai parlato in presenza di mia figlia. © Anastasia Unique
  • Ho una foto in cui mio figlio ha circa 2 mesi, lo tengo tra le braccia e lo allatto con il biberon. Mio figlio dice che ricorda bene questo momento perché stava osservando questa scena da qualche parte dall’alto. © Aimi Lebrun
  • Prima che mia figlia compisse 6 anni, diceva di aver sognato di avere genitori come noi. Le chiedevo: “Quando l’hai sognato?” E lei rispondeva: “Prima che io nascessi”. © Natalia Kostova
  • Quando mio nipote aveva 4 anni, una volta si è seduto sul letto nel cuore della notte e ha detto qualcosa con indignazione, in una lingua che sembrava francese. Nessuno di noi parla francese. Ho rapidamente messo per iscritto ciò che aveva detto in modo da poterne capire il significato in un secondo momento, ma non ho trovato nulla che avesse senso. © Tyar Tyar
  • Mio nipote assomiglia al suo defunto bisnonno e una volta, quando aveva 3 anni, disse a mia sorella: “Sai, nonna, ero nonno nella mia vita precedente e poi sono nato qui”. © Ludmila Lebedeva
  • È successo quando mio figlio maggiore aveva 5 anni. Si è arrampicato su una sedia per prendere qualcosa da un armadietto e mi ha detto: “Mamma, quando morirò, volerò dietro di te e ti prenderò tutto ciò di cui hai bisogno dall’alto”. Ho avuto i brividi e gli ho detto di non dire queste cose. Ha risposto: “Ma mio padre vola dietro di me ovunque io vada”. Mio marito era morto 6 mesi prima... e ora non ricorda di averlo mai detto. © Antonina Makhrova
  • Mia nipote vedeva un uomo che veniva di notte e ci guardava mentre dormivamo. L’ha davvero spaventata. All’inizio, non riusciva nemmeno a parlare correttamente, puntava semplicemente il dito verso qualcosa e urlava spaventata, ma poi ha imparato a parlare e ci ha raccontato di quest’uomo: è stato davvero inquietante. © Ekaterina Chashkina
  • A 2 anni mio figlio aveva appena iniziato a parlare e a creare frasi più o meno corrette. Non aveva mai guardato cartoni animati, film o persino la TV perché non la guardavamo. Aveva visto solo pochi libri per bambini.
    Una volta eravamo seduti in cucina insieme a mia madre (sua nonna) e bevevamo il tè. All’improvviso ha detto, con una faccia seria: “Prima abitavo in una vecchia casa, andavo a scuola e sono morto”. Mia madre era scioccata. Nostro figlio non aveva mai sentito parole come “scuola” o (soprattutto) “morire”. Non avevamo mai usato queste parole, specialmente “morire”. In più, in quel periodo non era morto nessuno in famiglia. © Tanya Bakterova
  • Una volta, di notte, mio figlio ha cominciato a parlare latino in modo molto comprensibile. Nessuno di noi conosce il latino e non l’avevamo mai studiato, ma è difficile non riconoscere questa lingua. © Irina Tsurcan
  • Mia figlia minore mi diceva: “Quando ero tuo padre, ti tenevo tra le braccia e ti cullavo”. Ero la cocca di papà quando ero piccola e lui mi teneva davvero tra le sue braccia e mi cullava finché non mi calmavo. Nessuno ne aveva parlato con mia figlia perché mio padre era morto molto prima. © Romania Alena
  • Dopo il funerale di mio marito, la figlia minore di mia nipote disse: “C’è nonno Alessandro”. Sua madre le spiegò: “Nonno Alessandro è andato in paradiso” e la piccola rispose: “No, è lì nell’angolo”. Mia nipote si è spaventata davvero tanto. © Lilia Arsenyuk
  • Mia figlia ha iniziato a parlare presto e ci raccontava sempre di un uomo con un cappello che rimaneva in piedi in camera da letto e sorrideva. Ci mostrava dove fosse esattamente. © Irina Zuzina
  • A 4 anni, mio figlio minore una volta disse, con voce molto seria: “Mamma, la nostra famiglia è molto bella, ecco perché l’ho scelta”. Ho chiesto scioccata: “Cosa hai scelto?” E lui ha risposto: “La nostra famiglia! L’ho scelta io stesso!” Ho deciso di non approfondire, ma sono rimasta senza parole per molto tempo. © Elena Avdeeva
  • Mio figlio maggiore una volta ha descritto il giorno in cui è nato passo dopo passo: come è stato portato in reparto, di che colore erano le pareti, com’era il reparto e che numero c’era sulla porta. E mio figlio minore ha visto la foto della sua bisnonna e l’ha chiamata con il suo nome, Tara, anche se non l’abbiamo mai chiamata così e non poteva aver sentito questo nome. Ci ha anche parlato delle sue paure, abitudini, ecc. © Alina Nizhnikova
  • Durante l’infanzia, nascondevo il cibo. Abitavamo al piano terra e il pane e i biscotti che mettevo da parte attiravano gli scarafaggi. Una volta mia madre si è davvero arrabbiata con me per questo e mi ha rimproverata. Sono scoppiata in lacrime e ho detto: “Mamma, non voglio morire di fame come prima”, ma la nostra famiglia non era mai morta di fame.
    Mia madre mi ha chiesto cosa intendessi dire e ho detto che prima morivo di fame e aspettavo sempre il mio pezzo di pane ma non ne ricevevo mai uno. Mia madre non riuscì a ottenere altre informazioni. Non so ancora di cosa si trattasse. © Daria Aksenova

I tuoi figli ti hanno mai raccontato storie che ti hanno fatto venire la pelle d’oca?

Condividi quest'articolo