Il lato positivo
Il lato positivo

8 consigli per rendere l’allattamento un’esperienza gradevole

L’allattamento è uno dei momenti più intimi che tu possa condividere con i tuoi figli. Promuove un aumento di peso salutare, fa avere meno problemi digestivi ai bambini, come coliche o gas, e rafforza il sistema immunitario. Eppure, questa esperienza può anche essere difficile, soprattutto per le nuove mamme.

A noi de Il Lato Positivo importa della salute dei nostri lettori, quindi abbiamo fatto una lista di consigli per aiutarti a vivere quest’esperienza il più facilmente possibile.

1. Come aumentare la tua produzione di latte

Se la produzione è bassa, o se vuoi solo assicurarti di allattare in quantità eque, allatta più spesso che puoi e non solo in certi orari. I tuoi figli ti diranno quando sono pieni. Inoltre, tirare il latte tra una poppata e l’altra ne aumenterà la produzione. Assicurati che i bambini vengano allattati da entrambi i seni, in modo che siano stimolati equamente.

Anche quello che mangi è importante perché non solo ti darà nutrienti necessari per i tuoi figli, ma alcuni alimenti ed erbe possono anche aiutare con la lattazione, come l’aglio, lo zenzero, il finocchietto e il fieno greco. Esistono anche dei biscotti che possono aiutarti ad aumentare la tua produzione di latte.

2. Come padroneggiare il Metodo Mamma Canguro

Le prime settimane sono cruciali perché i bebè e le madri cominciano a sviluppare il loro legame, e questo va fatto in un’atmosfera confortevole e rilassata. Abbassa le luci e siediti su una sedia comoda. Togliti la maglia e il reggiseno, in modo che il contatto sia pelle contro pelle.

Il Metodo Mamma Canguro calma i tuoi bambini, così non piangeranno tanto spesso da rimanere esausti. La tua temperatura corporea aiuta a mantenere stabile quella dei tuoi figli, salendo e scendendo quanto necessario. Inoltre, rende più semplice l’allattamento, dato che i tuoi bambini sapranno arrivare al tuo seno guidati dai loro sensi.

3. Come allattare se hai un seno grande

Spesso, le madri con un seno grande si sentono non abbastanza supportate e temono di soffocare i propri figli. Se anche tu hai queste preoccupazioni, la chiave è trovare una posizione che ti aiuti a sentirti comoda e libera da timori.

La posizione sdraiata lateralmente ti permetterà di usare il materasso come supporto e allo stesso tempo vedere se tu* figli* si è attaccato bene. Sia tu che il bambino dovete sdraiarvi su un fianco, girati faccia a faccia. Metti un cuscino dietro la schiena e tra le ginocchia. Usa un altro cuscino da mettere dietro il dorso di tu* figli* in modo che non rotoli via da te.

4. Come trovare la posizione giusta dopo un taglio cesareo

L’attaccamento al seno gestito dal bambino consiste nel posizionarl* sul seno nudo con le gambe piegate e il naso e la bocca rivolte verso il tuo capezzolo. Dovrai reclinarti all’indietro e tu* figli* comincerà istintivamente a muoversi verso il tuo seno.

Se hai avuto un taglio cesareo, questo metodo potrebbe essere più complicato ma totalmente fattibile. Metti un cuscino accanto al tuo corpo e sdraia il tuo bambino su quel lato, in modo che stia lontano dalla tua ferita. Assicurati che i suoi piedi siano ben supportati, così che possa usarli per spingersi vicino al tuo seno.

5. Come allattare dei gemelli

Avere dei gemelli significa letteralmente avere le mani occupate. Prima di tutto, prova ad allattarne uno alla volta prima di provare una posizione simultanea. La presa a doppia culla ti permetterà di allattarli in tandem. Usa un cuscino da allattamento o uno che sia abbastanza grande da poter mettere sulle gambe. La testa di ognuno dei bambini dovrebbe stare nella piega dei tuoi gomiti e i loro corpi incrociati sul cuscino.

Anche per la presa a doppio pallone da football avrai bisogno di un cuscino da allattamento. I tuoi bambini dovrebbero stare sdraiati ai lati del tuo corpo e sotto le tue braccia.

6. Come fermare il reflusso

Spesso i bambini soffrono di reflusso dopo l’allattamento e vomitano parte del latte che hanno bevuto. In questo caso, l’allattamento dovrebbe essere fatto in posizione eretta o semi-eretta, dato che la gravità aiuta la digestione. Prova a camminare mentre allatti i tuoi figli, perché il movimento leggero può essere d’aiuto. La posizione eretta dovrebbe essere mantenuta per 20 minuti dopo la poppata, in modo che il reflusso non peggiori.

7. Come evitare il dolore ai capezzoli

Se i tuoi capezzoli sono doloranti dopo le poppate, assicurati di parlare col dottore per evitare che si taglino o che comincino a sanguinare, causando un rischio di infezione.

Se usi delle coppette assorbilatte, non sceglierne un tipo con un supporto di plastica bensì uno morbido e di cotone. Vanno cambiate appena si bagnano. Anche la scelta dei reggiseni è essenziale. Sbarazzati di quelli di pizzo o sintetici e scegline uno di cotone, così che l’aria possa circolare.

8. Come ottenere un buon attaccamento al seno

Comincia con il solleticare le labbra dei tuoi bambini con il tuo capezzolo, in modo che aprano la bocca con le labbra verso l’esterno (“labbra a pesce”). La bocca non dovrebbe coprire solo il capezzolo, ma il più possibile del seno. In caso di un attaccamento sbagliato, le labbra potrebbero essere ad un angolo minore di 90°, mentre dovrebbero essere a uno maggiore di 120°.

Se il labbro inferiore è appena sotto il capezzolo, interrompi l’attaccamento mettendo un dito nella bocca del* tu* bambin* e prova di nuovo. Puoi ottenerne uno più largo se tiri delicatamente il suo labbro inferiore o superiore.

Quale consiglio metterai in pratica sicuramente? Rivolgendoci invece alle mamme con più esperienza, quali altri consigli hanno funzionato bene con i vostri bambini?

Il lato positivo/Famiglia e bambini/8 consigli per rendere l’allattamento un’esperienza gradevole
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti