Il lato positivo
Il lato positivo

8 frasi da evitare e altre 8 con cui sostituirle se vuoi crescere un figlio resiliente

Gli psicologi dicono che le avversità sperimentate durante l’infanzia possono diventare la ragione dietro allo sviluppo di problemi psicologici in età adulta. Ecco perché è importante crescere i nostri figli in un ambiente confortevole e sicuro. Ad ogni modo, a volte può essere difficile dato che anche frasi apparentemente innocenti possono influenzare negativamente un bambino.

Noi de Il Lato Positivo abbiamo raccolto una lista di frasi che dovresti evitare quando parli con i tuoi figli e abbiamo trovato alternative che ti aiuteranno a crescere dei bambini sicuri di sé e felici.

1. “Non è niente.”

Anche se “Non è niente” può sembrare una frase che sollecita la resistenza dei bambini Christina Clemer, un’educatrice certificata, afferma che in verità li fa dubitare dei propri sentimenti.

Immagina che un bambino sia caduto, si sia sbucciato il ginocchio e ora stia piangendo. Non succede niente, giusto? Ad ogni modo, se quando cade sente dire che “non è niente”, mentre si sente in tutt’altro modo, potrebbe confondersi e diffidare delle sue vere emozioni. Invece, è importante avvalorare i sentimenti dei tuoi figli e rassicurarli che andrà tutto bene.

2. “Puoi farcela. È facile.”

Un’altra cosa che potrebbe confondere i tuoi figli è dire che una cosa che per loro sembra difficile in verità è facile. Disorientare i tuoi bambini non li aiuterà a lavorare meglio.

Invece, prova a condividere le loro preoccupazioni riguardo al problema, ma dì che credi in loro e che sai che ce la faranno.

3. “Mi fai arrabbiare.”

Gli psicologi dicono che per i bambini è importante capire come il loro comportamento influisca sulle altre persone.

Dire “Questo mi fa arrabbiare” ha una connotazione negativa e i bambini non accetteranno le informazioni espresse in un tono simile. All’inizio, è meglio mostrare la tua reazione alle loro azioni dicendo che non ti piacciono, poi cominciare a spiegare esattamente come abbiano influenzato i tuoi sentimenti e cos’abbiano fatto di sbagliato.

4. “Odio il mio lavoro.”

Degli studi dimostrano che le lamentele dei genitori riguardo i risultati accademici possono influenzare negativamente l’esperienza accademica dei figli.

Se non vuoi che i tuoi figli rimangano delusi dall’età adulta e dalle esperienze di lavoro senza neanche provarci, è meglio non usare espressioni forti come: “Odio il mio lavoro”. Non vuol dire però che tu non possa parlare dei tuoi problemi di carriera. È importante non lamentarsi e trovare un modo di uscire dalle brutte situazioni.

5. “È troppo difficile per te.”

Alcuni educatori incoraggiano i genitori a smettere di dire ai propri figli che un’attività è “troppo difficile per loro”.

I bambini apprendono sfidandosi. Ogni attività dovrebbe essere più difficile di quella precedente. In questo modo imparano a uscire dalla loro comfort zone e a prendere decisioni. Se tu, come genitore, decidi se i tuoi figli possono fare o meno una determinata cosa, non insegnerai loro come prendere una decisione. Invece, se vedi che sono in difficoltà e sotto stress, lascia il problema per dopo. Potrete risolverlo insieme.

6. “Che problemi hai?”

Chiedere ai tuoi figli che problemi abbiano li farà pensare davvero di non essere normali e cominceranno a cercare difetti in loro stessi.

Non far sentire i tuoi figli come se avessero dei difetti. Indica quando non ti piace una certa azione o abitudine, ma spiega il motivo e mostra che li ami lo stesso.

7. “Non c’è nulla da temere.”

Anche dire ai tuoi figli che “non c’è niente da temere” potrebbe influenzare la loro abilità di fidarsi dei propri sentimenti. In realtà, per i bambini è piuttosto normale provare paura. Tendono a temere cose immaginarie, come mostri sotto al letto quando hanno 4 anni, ed esseri non immaginari come un “cattivo” che irrompe in casa, quando ne hanno 7.

Se i tuoi figli sono impauriti, è importante calmarli. Dì che sei lì per loro e dimostragli che sono al sicuro.

8. “Sei troppo...”

Gli educatori consigliano di evitare di dare etichette ai propri figli, soprattutto in maniera negativa. Se gli dici che sono timidi, pigri o strani, c’è la possibilità che cominceranno a comportarsi così, anche se non lo hanno mai fatto prima.

Invece, prova a trovare il fulcro della loro cattiva condotta. Scopri perché si stanno comportando così e suggerisci come capire meglio i loro sentimenti confusi e correggere il comportamento.

Sapevi che queste frasi sono dannose? Le hai mai usate parlando con i tuoi figli?

Il lato positivo/Famiglia e bambini/8 frasi da evitare e altre 8 con cui sostituirle se vuoi crescere un figlio resiliente
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti