Il lato positivo
Il lato positivo

Ecco come John Travolta tiene vivo il ricordo di sua moglie e suo figlio

La vita è un viaggio tra momenti felici e tristi, e noi siamo spinti ad affrontare le sfide che ci rendono solo più forti. Ciò è vero anche per le celebrità, le cui vite non sono sempre facili come possono sembrare. Ad esempio prendiamo il famoso attore John Travolta, che ha dovuto affrontare la perdita del suo primogenito e della sua amata moglie. Nonostante il grande dolore, John ha continuato a combattere e si è posto come obiettivo quello di mantenere per sempre vivo il loro ricordo.

Una storia d’amore lealeindistruttibile.

John Travolta e Kelly Preston hanno vissuto quel tipo d’amore che si vede solo nei film. Infatti, si sono incontrati per la prima volta sul set di Gli esperti americani nel 1989. Tuttavia, al tempo, la Preston era ancora sposata con Kevin Gage: “Non ero felicemente sposata, mettiamola così”, ha detto Kelly anni dopo. “Stavo davvero con la persona sbagliata”.

Con John, è stato amore a prima vista: l’attore si era innamorato di lei dal primo momento in cui l’aveva vista e si ricorda di aver pensato: “Lei è arrivata, questa donna meravigliosa. C’è stata subito chimica”.

Il matrimonio di Kelly Preston alla fine è terminato nel 1987 e l’attrice ha avuto poi altre 2 relazioni prima di dare il via alla storia d’amore con il suo futuro compagno di vita. Il loro amore è stato molto intenso, al punto che Travolta le ha fatto la proposta nel 1991 e, solo qualche mese dopo, si sono anche sposati.

L’affetto della coppia era così immenso che non hanno temuto di fare il passo successivo: infatti, al matrimonio, Kelly era già incinta di 2 mesi del loro primo figlio.

La gioia del loro primo figlio e la paura per la sua salute.

Il 13 aprile 1992, la Preston e Travolta hanno avuto il loro primo figlio, Jett. Nonostante l’emozione iniziale, presto la gioia è stata sostituita dalla preoccupazione per le sue condizioni di salute: purtroppo il piccolo aveva una serie di problemi di salute, incluso l’autismo e la sindrome di Kawasaki che provoca infiammazione arteriosa.

John Travolta aveva un legame speciale con il figlio, amato e adorato fin dalla sua nascita. “Non potrei immaginare come sarebbe stata la vita senza Jett”, ha confessato.

Nonostante le difficoltà a cui la vita li aveva esposti, la coppia è rimasta unita e ha continuato a ingrandire la propria famiglia: ha infatti accolto una figlia, Ella Bleu, nel 2000, che è l’unica ad aver seguito le orme dei genitori. Ella infatti è un’aspirante attrice; fa piccoli ruoli e alcune apparizioni con suo padre.

Il tipo di perdita che nessun genitore dovrebbe provare.

La pace della coppia è stata distrutta quando hanno dovuto affrontare una tragedia che ha cambiato irrevocabilmente le loro vite. Nel 2009, quando erano in vacanza alle Bahamas, il loro amato figlio è venuto a mancare.

La tragedia ha devastato la famiglia, che ha deciso di proteggere il dolore nel modo più privato possibile. Dopotutto, l’unico atteggiamento appropriato in questo tipo di circostanze è il silenzio. Al tempo, solo il loro avvocato ha dichiarato: “John non avrebbe mai pensato che succedesse. Ha il cuore spezzato. Seppellire il proprio figlio è la cosa peggiore che una persona possa fare.”

Travolta ha affrontato un dolore immenso e ha confessato: “Non sapevo se ce l’avrei fatta, la vita non aveva più nessuna attrattiva per me”. Tuttavia, nel corso degli anni, la coppia ha continuato a onorare il figlio in modo da donargli un infinito amore.

Ne hanno fatto una missione, quella di ricordarlo e rendere consapevoli gli altri della sua condizione. E Kelly ha fatto lo stesso, postando una foto con il suo amato figlio, sotto cui c’era scritto: “Mando tutto il mio amore a tutti i bellissimi bambini autistici. Possiamo tutti brillare e dare amore e rispetto a questi bambini speciali. Al mio amore dolce, Jett. Sarai per sempre nei nostri cuori”.

Di recente, il giorno in cui Jett avrebbe dovuto compiere 30 anni, John Travolta l’ha commemorato postando una vecchia foto. La descrizione diceva: “Mio caro Jetty, mi manchi più di quanto possa esprimere a parole. Ti penso ogni giorno”.

La famiglia è riuscita a vedere la luce.

Ma Preston e Travolta non hanno smesso di ampliare la loro famiglia: infatti, quasi 2 anni dopo la tragedia, è nato il figlio Benjamin.

“Di sicuro avere il piccolo Ben è stata la colla che ci serviva per riprenderci dopo la tragica perdita”, ha detto Travolta dopo la nascita del piccolo. Inoltre, ha anche sostenuto che: “Ha dato alla casa un nuovo scopo e un nuovo spirito”.

La vita ha messo di nuovo John in difficoltà.

Ma la vita ha messo John davanti a una nuova tragedia, dopo aver affrontato il lutto per il suo primo figlio, ha dovuto gestire un altro dolore quando ha perso l’amore della sua vita: a quanto pare, stava combattendo da anni con una grave malattia ma non ne aveva mai parlato, in modo da mantenere un basso profilo.

Kelly Preston è morta il 12 luglio 2020, dopo aver combattuto per la sua vita per 2 anni, secondo il post Instagram di Travolta. “Ho imparato che piangere e portare il lutto per qualcuno è una cosa molto personale”, ha detto; “Il lutto è soggettivo e ciò che può farti guarire è vivere il tuo personale viaggio”.

L’amore non svanisce mai, nemmeno dopo la morte. E questo John lo sa bene, avendo amato la stessa donna per metà della sua vita. Non perde mai occasione di esprimere i suoi sentimenti per lei, postando delle vecchie foto di lei per ricordarle quando gli manca: “Ti amiamo e ci manchi, Kelly”, ha scritto sotto a una di queste.

Più forti che mai.

Oggi John Travolta e la sua famiglia hanno scoperto la loro forza nell’amore che condividono dopo anni di dolore. Travolta e i suoi figli continuano a essere ottimisti verso la vita, tenendo Kelly e Jett sempre nel cuore.

Spiegare la perdita dei loro cari al figlio minore non è stato facile per John, ma ha dimostrato ancora una volta la sua forza d’animo. L’attore è stato onesto con suo figlio, sottolineando: “Tuo fratello Jett se ne è andato che aveva 16 anni. Troppo giovane. Tua mamma quando ne aveva 57. Anche lei era troppo giovane. Quindi pensiamo che faccia parte della vita. Tu fai del tuo meglio per cercare di vivere più a lungo che puoi”.

La missione di vita dell’attore è quella di assicurare il futuro dei suoi figli facendoli sentire amati, proprio come avrebbero fatto Kelly e Jett.

Anteprima del credito fotografico johntravolta / Instagram, johntravolta / Instagram
Condividi quest'articolo