Il lato positivo
Il lato positivo

Perché gli uomini dovrebbero partecipare al parto e perché averli intorno non è così spaventoso come sembra

Il “parto in coppia”, cioè quando il marito non solo porta la moglie in ospedale ma partecipa anche al processo stesso, sta diventando sempre più popolare in tutto il mondo. Alcune persone pensano che gli uomini non dovrebbero assistere a questo processo fisiologico, mentre altre, al contrario, vedono nel marito un futuro genitore che dovrebbe affrontare tutte le difficoltà insieme alla moglie e darle tutto il supporto necessario.

Noi de Il Lato Positivo non solo abbiamo studiato le ricerche moderne sul parto in coppia, ma abbiamo anche trovato molte storie raccontate da uomini e donne che l’hanno vissuto.

Il supporto morale è la cosa principale.

È stato dimostrato che avere il supporto del partner durante il travaglio aiuta a ridurre il rischio di depressione postpartum. Il padre del bambino è proprio la persona che può rallegrare la moglie, quando necessario, distrarla e fare qualsiasi cosa per aiutarla a resistere al dolore e alla tensione che sta vivendo.

Nonostante l’opinione, un tempo popolare, secondo cui un uomo presente durante il travaglio della moglie smetterebbe di nutrire affetto nei suoi confronti o addirittura di amarla, molti uomini, che hanno vissuto questa esperienza, dicono che è stato il momento più bello ed emozionante della loro vita. Inoltre, le donne confermano che il loro prezioso sostegno era proprio quello di cui avevano bisogno.

  • Il mio amico ha assistito al travaglio di sua moglie ed è stato con lei anche i 3 giorni successivi prima del check-out. Il marito aveva scaricato dei film in anticipo, creato un menù e portato un libro antistress da colorare per sua moglie. Questi sono amore e supporto, secondo me! © mmmmmaaadii / Twitter
  • Non credo che dovremmo costringere qualcuno a fare il nostro lavoro. Lascerei volentieri il mio se potessi. Prima della nascita di mio figlio, ho sentito storie spaventose su tutti gli orrori del travaglio, raccontate da mariti che non sono mai stati lì. L’unico amico che è stato vicino alla moglie durante il travaglio ha detto che è stato il momento più emozionante e bello della sua vita. Ha assicurato a mio marito che ne sarebbe valsa la pena. Non abbiamo avuto rimpianti! Se mai dovessimo avere un secondo figlio, opteremo solo per il parto in coppia. © svetachalova / Twitter

È necessario un aiuto sia durante che dopo il parto.

Se il travaglio è lungo, i medici lasciano la donna in una stanza d’ospedale, controllandola periodicamente per vedere in quale fase del processo si trovi. In questo stadio, la donna ha bisogno di supporto come mai prima perché il periodo delle contrazioni può essere molto doloroso. Potrebbe addirittura aver bisogno di aiuto anche per alzarsi dal letto, senza contare le difficoltà che può incontrare nel prepararsi uno spuntino o bere dell’acqua. Se un uomo pensa di non poter fare nulla durante il parto, si sbaglia. Vale la pena seguire dei corsi specifici in anticipo, imparare a massaggiarla correttamente e persino creare una playlist speciale e rilassante.

Dopo il parto, il bambino può essere affidato al padre mentre vengono effettuati i controlli sulle condizioni della donna. Se preparato in anticipo, il neo papà può persino aiutare la mamma ad allattare e scegliere il modo migliore per tenere il bambino e posizionarlo sul seno. Quando una donna è esausta per le contrazioni, per la preoccupazione e per la mancanza di sonno regolare, non sempre tiene a mente e applica tutti i consigli che ha imparato prima del parto. Non riesce a stare seduta tutto il tempo e le può risultare difficile anche alzarsi dal letto senza aiuto.

Ecco alcune storie di uomini che hanno raccontato con tutta onestà la loro esperienza con il parto in coppia:

  • Anch’io non volevo. In effetti, avevo paura. Non mi piacciono gli ospedali, il sangue e le urla, ma quando tutto è iniziato, sono andato lì e ho fatto tutto ciò che dovevo fare. È stato uno dei momenti più speciali della mia vita. Non ci siamo nemmeno posti il problema del farlo di nuovo o meno per il secondo bambino. © merrois / Twitter
  • Tutto dipende dall’atteggiamento dell’uomo nei confronti della moglie. Ho assistito al parto, dopo il quale ho iniziato ad amarla e rispettarla ancora di più. L’unica cosa difficile per me è stato capire che la persona che amo stava attraversando un dolore immenso e non potevo fare molto per alleviarlo, ma mia moglie mi ha detto che la mia presenza l’ha aiutata. © sfj_e / Twitter
  • Non sono svenuto, ma ho pianto tantissimo e non riuscivo a smettere. Ho pianto più di mio figlio che, quando è uscito, mi ha guardato quasi a dire: “Ragazzone, stai bene?” © king__foots / Twitter

Parto in coppia dal punto di vista della sicurezza.

  • Essere presenti al parto non è uno sfizio, ma una questione di sicurezza. Tutto può succedere durante questo processo e nessun medico sarà nella stanza d’ospedale per 24 ore, in caso di travaglio lungo. Il partner sarà, invece, in grado di trovare rapidamente un medico in caso di emergenza. © PugachC / Twitter
  • L’amico di mio padre era insieme a sua moglie durante il parto del primo figlio. Quando la seconda figlia ha deciso di nascere un po’ prima, è stato in grado di aiutare la moglie a casa. Se non avesse avuto l’esperienza del parto in coppia, non avrebbe saputo cosa fare, ha detto. © rijsamurai / Twitter

Il parto in coppia influisce anche sulle relazioni future con il bambino.

Oggi i papà si fanno coinvolgere maggiormente nella preparazione alla genitorialità e al parto, così come nella cura dei bambini fin dai primi giorni. La ricerca moderna conferma che i bambini i cui padri si interessano alla loro crescita ed educazione fin dalla tenera età crescono meglio sia fisicamente che emotivamente.

Gli uomini che accompagnano le mogli in un momento così importante, senza paure e preoccupazioni, dimostrano di essere pronti alle difficoltà dei primi mesi di genitorialità, sono i primi a vedere il bambino e nella maggior parte dei casi si impegnano sin da subito, prendendosi cura del bambino e condividendo equamente tutte le difficoltà con la neo mamma.

Nonostante tutti i vantaggi, non è adatto per tutte le coppie.

Non tutti gli uomini comprendono allo stesso modo la complessità e la responsabilità di questo processo che vivono le donne. Ecco perché nel reparto maternità possono accadere cose inaspettate, che diventano storie divertenti molto popolari.

Un comportamento eccentrico e imprevedibile può essere un problema sia per la donna in travaglio che per i medici. Pertanto, una coppia dovrebbe valutare tutti i pro e i contro prima di decidere di avviare un parto di questo tipo. D’altra parte, se la moglie non è sicura che il marito sia in grado di aiutarla durante il parto e che non abbia paura, il parto in coppia dovrebbe essere posticipato.

Ecco alcune storie di donne che sono rimaste deluse dalla presenza dei loro mariti durante il travaglio:

  • Il mio è quasi svenuto quando ha visto il dottore fare l’episiotomia. Le ginocchia hanno ceduto e tutte le infermiere mi hanno lasciata per correre verso di lui. Ha anche raccontato barzellette all’infermiera mentre spingevo. Gli ho detto di smetterla. Le cose sono andate molto meglio con il secondo bambino. © astronomydomone / Reddit
  • L’ostetrica continuava a richiedere più ghiaccio, quindi mio marito continuava a darmi colpetti sulla guancia con un cucchiaio di plastica pieno di scaglie di ghiaccio mentre avevo le contrazioni. © Muthachucka / Reddit
  • Mia sorella stava partorendo per la prima volta e l’ostetrica ha mostrato a suo marito come strizzare un panno per rinfrescarle il viso. Quando si è girata di schiena, lui le ha semplicemente gettato il panno inzuppato sul viso! Mia sorella ha iniziato a urlare: “Portate quell’uomo inutile fuori di qui!” © TheKateMcK / Twitter
  • Mio marito è quasi svenuto. L’infermiera ha dovuto trascinarlo su una sedia e spingerlo in un angolo. Mentre io sanguinavo, lui chiedeva un’epidurale per sé. © alala_lana / Twitter

Gli uomini possono iniziare a comportarsi in modo insolito a causa dello stress.

Gli uomini possono iniziare a comportarsi in modo anomalo, non a causa del loro carattere ma a causa dello stress che stanno vivendo. Quando stai per diventare padre e la tua amata soffre per i dolori, anche se non puoi fare molto, percepisci stress e pressione invece della gioia prevista. Molto spesso, i travagli durano più di 12 ore e l’uomo è teso, si sente impotente e preoccupato per tutto il tempo. Chiunque può perdere l’autocontrollo in queste situazioni e fare qualcosa che potrebbe essere ricordato per molto tempo durante le piacevoli riunioni di famiglia successive.

Gli utenti di Internet hanno condiviso delle situazioni imbarazzanti accadute a loro o ai loro genitori durante la loro esperienza di parto in coppia:

  • Mi ha avvisato che si vedeva il reggiseno... © Iloveyoupineapple / Reddit
  • Sono nato con parto cesareo e mia madre mi ha raccontato che i medici stavano eseguendo l’operazione dietro uno schermo in modo tale che lei non riuscisse a vedere, ma mio padre sì e continuava a dire cose tipo: “Non lo senti?!?!”“Oh, il sangue!!”. Era preoccupata che sarebbe svenuto o qualcosa del genere, ma è riuscito a non farlo.
    © estrella172 / Reddit
  • Niente di male durante il processo in sé, ma pochi minuti dopo mi ha guardato e ha detto: “Non è stato così male. Potremmo farlo di nuovo”. Ora lo trovo divertente, ma all’epoca tutto ciò che riuscivo a pensare era... ehm potremmo? © mtwannahockaloogie_ / Reddit

Cosa pensi del parto in coppia? Per caso hai qualcosa da condividere con noi?

Anteprima del credito fotografico Depositphotos.com
Il lato positivo/Famiglia e bambini/Perché gli uomini dovrebbero partecipare al parto e perché averli intorno non è così spaventoso come sembra
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti