Il lato positivo
Il lato positivo

Una mamma di 50 anni ha dato alla luce la bambina di sua figlia

La possibilità di rimanere incinta a 40 anni è del 44%, percentuale che diminuisce con l’età, ma le probabilità sono maggiori se si utilizza la fecondazione in vitro o FIVET. Questo è stato il caso di Chalise Smith e sua figlia, Kaitlyn Muñoz, che ha condiviso sui suoi social la storia carina ma insolita di come Chalise, a 50 anni, sia diventata la sua madre surrogata.

Kaitlyn ha sempre sognato di avere una famiglia numerosa

“Essendo la terza di 8 figli, ho sempre sognato di avere una famiglia numerosa tutta mia”, ha detto Kaitlyn sul suo account, dimostrando che, proprio come sua madre, voleva avere figli. Quindi quando lei e suo marito si sono sposati hanno immediatamente iniziato a cercare di avere un bambino per formare una famiglia.

La prima gravidanza di Kaitlyn doveva avvenire attraverso la fecondazione in vitro

Dopo alcuni anni di tentativi infruttuosi, Kaitlyn ha dovuto sottoporsi a dei test ed è così che ha scoperto che aveva un grave caso di endometriosi. Per alcune persone con questa condizione può essere difficile rimanere incinte, poiché l’endometriosi può ostruire le tube di Falloppio.

Kaitlyn ha subito un intervento chirurgico per curarsi e 2 mesi dopo ha iniziato il suo percorso per la fecondazione in vitro. Il processo si è concluso con 4 embrioni vitali, di cui 2 sono stati provati su di lei. Uno ha funzionato ed è rimasta incinta del piccolo Callahan.

La sua gravidanza è andata bene fino alla 30esima settimana, quando ha dovuto essere ricoverata in ospedale. I medici hanno informato Kaitlyn che aveva la sindrome di Sjogren, il che significava che il suo sistema immunitario stava attaccando i reni. Nel 2021, ha ricevuto una notizia devastante: i suoi reni non sarebbero stati in grado di sopportare un’altra gravidanza, ma Kaitlyn voleva davvero continuare ad allargare la sua famiglia con un altro bambino.

Sua mamma ha avuto la brillante idea di diventare madre surrogata

Dopo aver appreso la notizia, Chalise ha pensato di diventare madre surrogata. “Non avrei mai pensato che avrei vissuto una cosa del genere o che avrei avuto un bambino a 50 anni”, ha spiegato sui suoi social.

Si è presa del tempo per riflettere a fondo e vedere se tutti, incluso suo marito, fossero d’accordo con l’idea. Dopo che tutti sono stati d’accordo, Chalise ha iniziato il processo di fecondazione in vitro con i restanti 2 embrioni.

Dopo un paio di settimane, hanno ricevuto una grande notizia

2 settimane dopo il processo in vitro, hanno ricevuto un’ottima notizia: uno degli embrioni aveva aderito e quindi Chalise era incinta, a 50 anni. “Mia madre ha fatto a me, a Miguel e a Callahan un regalo davvero significativo”, ha detto Kaitlyn.

La famiglia ha deciso di condividere la sua straordinaria storia con il mondo e Kaitlyn ha dedicato un dolce post sui social a sua madre dicendo “Mia madre ha fatto molte cose che non potevo fare da sola quando ero una bambina. Ed eccoci 24 anni dopo: sta facendo di nuovo qualcosa che non posso fare da sola, sta portando in grembo mia figlia”.

È nata una bellissima bambina

Per documentare il processo e preservarne il ricordo, la famiglia ha chiesto a elee.photomakennatoolson di scattare foto professionali dei momenti speciali.

Tutto è andato bene durante il parto e Chalise ha dato alla luce una bambina bella e sana di nome Alayna Kait-Chalise Muñoz. “Grata per mia madre e per il suo altruismo durante questo percorso”, sono state queste le parole di Kaitlyn.
Ora i Muñoz hanno un altro membro e sono una bella famiglia di 4 persone.

In un’intervista, Kaitlyn ha detto che questa sarebbe una gran bella storia da raccontare a sua figlia da grande e che le farebbe notare quanto sia pazzesco il fatto di essere cresciuta nello stesso utero in cui è cresciuta lei.

Faresti qualcosa di incredibile come questo per i tuoi figli? Dicci cosa ne pensi nei commenti.

Il lato positivo/Famiglia e bambini/Una mamma di 50 anni ha dato alla luce la bambina di sua figlia
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti