Il lato positivo
Il lato positivo

“Voglio vivere fino a 105 anni per vederlo laurearsi”: la storia di un dottore, che è diventato papà a 83 anni

Mettere al mondo un bambino è una delle gioie più grandi per una coppia e, anche se si è soliti avere dei figli tra i 20 e i 40 anni, ci sono delle volte in cui il miracolo della vita può sorprenderci in età avanzata. È stato il caso del dottore argentino Alberto Cormillot, che ha sposato una donna di 48 anni più giovane di lui ed è diventato padre all’età di 83 anni.

Noi de Il Lato Positivo crediamo che la vita abbia ancora molto da offrire anche a chi è in tarda età. Ecco perché vogliamo raccontarti la storia di quest’uomo, che ha deciso di creare una nuova famiglia da anziano, con una filosofia di vita che abbatte tutti i pregiudizi.

Una vita dedicata a migliorare la salute di un paese

Nato il 31 agosto 1938, a Buenos Aires, è il nutrizionista più famoso dell’Argentina. Durante la sua lunga carriera, ha aiutato migliaia di persone con disturbi alimentari a cambiare vita, attraverso enti per il trattamento dell’obesità, attività educative e messaggi mediatici.

Il vero amore non conosce età o pregiudizio

Anche se è conosciuto per la sua grande carriera, la sua vita privata è stata resa nota al pubblico nel 2019, quando ha annunciato che stava per sposare Estefanía Pasquini, una donna di 48 anni più giovane di lui.

Nel 2021 hanno avuto il loro primo figlio. Per quanto riguarda l’alimentazione del bambino, il dottore ha detto che lui e sua moglie non gli avrebbero fatto mangiare sale o zucchero per i primi 2 anni.

Dopo la notizia che avrebbe avuto un figlio a quell’età, non sono tardati ad arrivare commenti prevenuti di terze parti, come quando qualche giornalista ha ironicamente detto che “stava per avere un piccolo orfano” e si sono chiesti se sarebbe stato in grado di essere presente nella vita del figlio.

Ma la coppia è stata forte nonostante le critiche, dal momento che entrambi erano convinti della loro decisione e nessuno avrebbe potuto privarli della loro gioia. “Tutto ciò di cui hanno parlato le persone questa settimana l’avevamo già preso in considerazione 3 mesi fa [...]. Non me lo sono chiesto prima (circa l’età), ma me lo sto chiedendo adesso perché le persone lo hanno sottolineato”, ha detto il dottore.

Lei invece è consapevole che un giorno lui non ci sarà più, ma è una cosa che è pronta ad affrontare quando arriverà il momento: “Non mi dicono nulla che io o Alberto già non sappiamo o di cui non abbiamo già parlato [...]. Ne ho parlato con i miei amici e loro mi hanno detto ’Sì, è una cosa che succederà; avrai un bambino e domani lui non ci sarà più, perché la vita va così [...]. E quando accadrà, noi saremo tutti lì per aiutarti ad andare avanti’”, ha confessato lei.

Finalmente, il sogno della coppia è diventato realtà il 17 settembre 2021, quando il tanto atteso bambino, Emilio, è nato in perfetta salute. 2 giorni dopo sono tornati a casa per iniziare insieme la loro nuova avventura.

Cormillot sapeva già cosa volesse dire essere padre da oltre 50 anni, dopo la nascita di sua figlia Reneé e suo figlio Adrián. Ma ha confessato che la quantità di tempo trascorsa dalla nascita dell’ultimo figlio a questo più recente l’ha fatto sentire come se fosse diventato padre per la prima volta, dal momento che scopriva ulteriori cose (moderne) sui bambini.

“Ormai non ricordo più molto dell’esperienza. Ieri siamo andati a cercare un passeggino, per cui abbiamo fatto un corso sui passeggini. In passato non esistevano nemmeno, erano molto più semplici [...]. Prima c’erano i pannolini di stoffa che si lavavano e cambiavano, invece oggi è tutto diverso”, ha detto.

I suoi figli hanno accettato la decisione del padre di iniziare una nuova vita e avere un nuovo fratellino nonostante gli anni di differenza: “Mio figlio mi ha detto che avrà qualcuno con cui giocare a palla e che gli piacerà avere un fratello. E Reneé, da figlia femmina, è indecisa: da un lato è felice, ma dall’altro è difficile per lei”, ha ammesso Alberto.

La vecchiaia come nuova occasione per fare di tutto

Avere un figlio a 83 anni è un traguardo. Alberto è la prova che la tarda età può essere vissuta in un modo molto positivo e critica l’opinione negativa che ne ha la società:

“Le persone sono influenzate dal rispetto per quelli più grandi di loro, ma c’è un cliché in ciò: una persona più grande non può avere figli o divertirsi [...]. Solo un genitore può avere un figlio, ma non una persona anziana. Non è molto saggio: i cittadini anziani sono un fardello e sono usa e getta, nemmeno riciclabili. Molte persone ci credono. Ma io non ci credevo allora e non ci credo adesso”, ha detto.

Nonostante la vita sia stata dura con lui, il suo modo di gestire la sua età è notevole. Rimane attivo facendo tip-tap e danza aerea: “Ho avuto il cancro due volte ed è una malattia associata alle persone anziane, le radiografie mostrano che ho le ginocchia a pezzi, come anche le spalle e la spina dorsale. In totale, ho accumulato più di 30 lesioni. Sembra esserci una contraddizione tra la mia storia medica e la mia vita, perché mi guardi e capisci che faccio le stesse cose che ho sempre fatto”, ha affermato.

Nonostante le sfide che deve affrontare a causa della sua età, Alberto ha detto che vuole vivere fino a 105 anni per vedere suo figlio laurearsi. Riguardo la sua realtà: “Non potrò sicuramente essere come un uomo di 30 anni, ma faccio quello che posso” e ha aggiunto che ha lasciato un regalo molto speciale per quando Emilio sarà più grande: “Gli ho comprato un cellulare con una connessione Internet e gli mando dei messaggi WhatsApp o filmo dei video, gli mando delle foto o gli dico quello che sto facendo”.

Quali pensi siano i benefici e gli svantaggi dell’avere dei figli a un’età avanzata?

Anteprima del credito fotografico estefi_pasquini / Instagram, estefi_pasquini / Instagram
Il lato positivo/Famiglia e bambini/“Voglio vivere fino a 105 anni per vederlo laurearsi”: la storia di un dottore, che è diventato papà a 83 anni
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti