Il lato positivo
Il lato positivo

10 modi per capire che vieni emotivamente manipolato e come evitarlo

Con l’intenzione di avere qualche tipo di vantaggio o controllo sugli altri o sull’ambiente circostante, alcune persone sono capaci di manipolare emotivamente i loro coetanei. Nella maggior parte dei casi usano delle strategie disoneste o di sfruttamento che dovresti cercare di evitare a tutti i costi in modo da non restare incastrato nei loro problemi. Ovviamente, tieni a mente, che tutti in qualche modo possiamo essere manipolatori. In ogni caso, se notiamo un qualcosa che accade ripetutamente, dobbiamo essere cauti e gestire attentamente la cosa per evitare di farci male e per cercare di fermare questo tipo di situazione nel nostro ambiente.

Il Lato Positivo ha fatto un po’ di ricerche per scoprire quale siano le tecniche più comuni usate dai manipolatori emotivi e abbiamo creato una lista di alcune di esse in modo che tu possa capire quando qualcuno sta cercando di usarle su di te.

1. Non vogliono fare le cose anche se ti dicono di sì, e poi evitano il confronto diretto.

Le persone che hanno una personalità manipolatoria sono di solito pessimistiche e rancorose, ed esprimono i loro conflitti di rabbia repressa con atti come procrastinazione, testardaggine e inefficienza, quindi non è insolito per loro fare ciò. Immagina qualcuno a lavoro che rifiuta una richiesta, ma invece di dire semplicemente no, lo fa in un modo indiretto e nasconde di averlo fatto. Molto spesso cercano anche di evitare le conseguenze delle loro decisioni. Questo costituisce ciò che è conosciuto come comportamento passivo-aggressivo.

Quando affronti una situazione del genere, è consigliato far notare alla persona che presenta un comportamento passivo-aggressivo che è responsabile delle sue azioni. In questo modo smetterà di incolpare te. Allo stesso tempo, ciò ti aiuterà a mettere i tuoi bisogni per primi, così facendo eviterai di cadere nella sua trappola, che è fatta in modo che tu ti prenda la colpa. In ogni caso, è essenziale evitare di fare giochetti con coloro che hanno mostrato una personalità manipolatoria. Non confrontare mai la situazione da un punto di vista arrabbiato, pensa prima di tutto alla tua salute e alla tua felicità.

2. Fanno sentire in imbarazzo le altre persone in modo che possano approcciarle in uno stato vulnerabile.

La manipolazione può svilupparsi in un tipo di bullismo sociale ed emotivo. Ad esempio, in alcuni casi, può prendere la forma di quello che talvolta è noto come abuso intellettuale. In queste situazioni, il manipolatore assume spesso il ruolo di esperto in materia, mentre la cosiddetta vittima, sentendosi imbarazzata e inferiore, potrebbe cercare il manipolatore per ottenere qualche tipo di informazione, nella speranza che si riveli vantaggiosa.

Per gestire questa situazione, è meglio non mettersi in una lotta di potere. Ovviamente, questo consiglio si rivela adatto nella maggior parte dei casi, ma è specialmente rilevante quando si ha a che fare con i manipolatori. Ricorda che se le azioni e le parole dell’aggressore smettono di toccarci, il manipolatore, ad un certo, punto finirà per sentirsi imbarazzato del suo comportamento. Se qualcuno insiste nel sottolineare ripetutamente un errore passato che tu o qualcun altro avete fatto, fagli sapere che non è importante e che non conta più.

3. Travisano i fatti per far dubitare le persone della loro percezione, giudizio o memoria.

Quando qualcuno altera i fatti di un evento, provocando nell’altra persona una sfiducia nella sua memoria e percezione, tanto da farla interrogare sui suoi istinti, è decisamente normale per la vittima sentirsi insicura e incerta. Questo tipo di manipolazione compromette la fiducia e il senso della realtà di una persona. A fine giornata, la vittima può anche confondere ciò che è vero e ciò che non lo è, quindi questa tecnica è molto pericolosa, ecco perché è importante riconoscerla.

Un segno che ti fa capire che sei vittima di questo tipo di manipolazione emotiva è proprio quando cominci a dubitare di tutto quello che fai e pensi senza avere nessuno motivo per farlo. In questa situazione, è consigliabile fidarti del tuo giudizio e dei tuoi istinti, mostrare sicurezza e individuare le persone di cui ti puoi fidare, che possono darti una panoramica della situazione. Devi tenere a mente che, in alcuni casi, questo tipo di azione potrebbe richiedere l’aiuto di un professionista.

4. Fanno pressione sugli altri e danno loro pochissimo o zero tempo per decidere.

La manipolazione emotiva può svilupparsi in tutti i luoghi e situazioni. Infatti, puoi anche imbatterti in essa quando qualcuno la usa come tattica di vendita e negoziazione, in cui ci si approfitta della fragilità di un potenziale cliente. Ciò è fatto spesso per fare pressione su di loro in modo che comprino qualcosa senza considerare se siano o meno pronti a prendere una decisione coscienziosa circa il loro acquisto.

Chiaramente, queste tecniche non sono dannose come il manipolare le persone in un completo scetticismo, come prima. Molto spesso è utile imparare a capire quando ti spingono a fare qualcosa, perché in quel caso puoi agire, ad esempio, distanziandoti dalla persona, cercando di prendere tempo, valutando altre opzioni e avendo altre opinioni. Le decisioni importanti richiedono tempo e dovrebbero essere prese quando sei calmo e tranquillo.

5. Appaiono troppo energetici e troppo precipitosi.

Un’altra tattica comune che usano i manipolatori emotivi, poiché è davvero efficace, è cercare di far sentire gli altri estremamente speciali. Questo è ovviamente solo un modo per forzarli ad aprirsi facilmente e condividere i loro segreti. Un buon modo per capire se sta accadendo a te è tenendo gli occhi e le orecchie aperte quando una persona mostra una sicurezza eccessiva prima di conoscerti davvero. Questo potrebbe essere un chiaro segno che in realtà vuole ficcare il naso in affari personali per usarli contro di te successivamente.

6. Fanno le vittime.

È importante tenere a mente che, quando si tratta di relazioni umane, le cose non sono solo bianche o nere. Questo è particolarmente vero quando si affronta una situazione in cui c’è aggressione, ad esempio. Alcune persone potrebbero facilmente ricoprire il ruolo della vittima in modo da acquisire potere. Ciò viene fatto consciamente o inconsciamente.

Le persone che fanno così spesso mostrano un’attitudine passiva. Loro tendono ad evitare i confronti diretti e le responsabilità, incolpando gli altri per tutto ciò che di negativo accade loro. Dicono spesso che il loro pessimismo viene dal fatto che le altre persone fanno troppa pressione su di loro. Mentre questo è, in effetti, un tipo di manipolazione, può anche sorgere come meccanismo di difesa per far fronte alla paura, all’ansia o specifici sintomi.

Quando una persona mostra questo tipo di comportamento, è consigliato non giudicare o criticare ed essere rispettoso dal momento che potrebbe star affrontando dei problemi complicati e potrebbe addirittura aver bisogno di aiuto. È meglio avere una conversazione aperta e onesta in modo da capire quello che sta succedendo ed evitare di demotivarla. Inoltre, potrebbe anche aiutare il guidarla ad interrogarsi sulla sua responsabilità in ciò che le accade, ma in ogni caso è meglio indirizzarli verso un professionista.

7. Cercano di far sentire le persone dispiaciute per aver espresso le loro preoccupazioni.

Nel tentativo di controllare o influenzare le scelte di qualcuno, i manipolatori possono far sentire in colpa quella persona per aver espresso i suoi pensieri o preoccupazioni. Inoltre, potrebbero anche rispondere in modo aggressivo o cercare di creare una situazione confusa in modo da iniziare una discussione e ottenerne il controllo.

Nelle situazioni in cui esprimere sé stessi è anche un atto di coraggio, la vergogna non dovrebbe essere una scusa alla limitata comunicazione con gli altri. Al contrario, tra le altre cose, è una questione di affermare i propri sentimenti e valori e di assicurarsi che i manipolatori non confondano te o i tuoi amici e la tua famiglia con cose che non sono né importanti né tantomeno reali.

8. Sembra che stiano scherzando quando invece stanno dicendo qualcosa di crudele e maleducato.

Per cercare di insinuare dubbi, un manipolatore emotivo potrebbe utilizzare dei commenti crudeli celati col sarcasmo o anche fingere che stiano solo scherzando quando in realtà stanno dicendo qualcosa di spiacevole e offensivo. Quello che devi tenere a mente, se sei coinvolto in una situazione del genere, è che le persone che fanno questi commenti sono spesso solo insicure e soffrono di bassa stima di sé stessi. La tua risposta dovrebbe quindi venire da una prospettiva rispettosa anche se nel momento sembrerà difficile farlo. In un modo non offensivo, prova a rivendicare i tuoi diritti e fagli capire che meriti rispetto e dignità, proprio come loro.

9. Fanno scena muta.

A volte, un manipolatore emotivo farà scena muta come risorsa o semplicemente come punizione quando ha bisogno di ottenere qualcosa. Oltretutto cercherà di creare uno squilibrio di potere. Questo è un modo comune per incentivare le loro vittime a cercare la loro approvazione e un certo tipo di vicinanza facendo esattamente l’opposto: disapprovare e distanziare sé stessi da loro.

Proprio come le altre tecniche, la scena muta dovrebbe essere gestita usando una mente chiara e lucida per evitare di cadere nella trappola che i manipolatori stanno allestendo. Dopotutto, oltre al completo silenzio, questa tecnica può implicare un isolamento emotivo e fisico che nasconde una scarsa gestione comunicativa. Questi problemi andranno difficilmente via da soli quindi, in questo senso, dovrebbe essere considerato l’essere aperti a parlare di emozioni.

10. Si approfittano delle insicurezze e dei forti sentimenti degli altri.

Le persone che trascorrono la maggior parte del tempo con noi sono le uniche che conoscono meglio le nostre debolezze, è logico. Quello a cui spesso non pensiamo è che loro possono usare questa conoscenza per ferirci o manipolarci, se vogliono. Possono, ad esempio, sottolineare le nostre vulnerabilità per buttarci giù. Possono anche provare ad usare i nostri sentimenti contro di noi e farci sentire in colpa per le emozioni che stiamo vivendo in quel momento, specialmente se sono davvero forti.

In questi casi, potrebbe aver successo il non cercare di sconfiggerli, non entrando così nel gioco in cui stanno cercando di coinvolgerci. Invece, sarebbe meglio essere consapevoli delle risposte che vuoi dare loro e anche scusarti, se necessario, mettendo allo stesso tempo dei limiti. Ricorda che la salute emotiva è importante, e visitare uno specialista è una delle soluzione che potrebbe porre fine a questo tipo di comportamento.

Hai avuto un’esperienza simile? Come l’hai gestita? Faccelo sapere nei commenti e condividi il tuo parere. La tua esperienza potrebbe essere preziosa per qualcuno che sta affrontando un problema simile!

Il lato positivo/Psicologia/10 modi per capire che vieni emotivamente manipolato e come evitarlo
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti