Il lato positivo
Il lato positivo

12 consigli “inestimabili” che faremmo meglio a non dare ai neogenitori

Scommettiamo che, almeno una volta nella vita, ogni genitore si è imbattuto in consigli non richiesti su come crescere i propri figli. Vicini, parenti e amici sono ansiosi di condividere le loro esperienze e opinioni “inestimabili” su come il bambino e i suoi genitori dovrebbero comportarsi e organizzare la loro vita. Allo stesso tempo, la maggior parte semplicemente non tiene conto del fatto che un metodo che ha funzionato con un bambino può essere assolutamente non adeguato per un altro.

Noi de Il Lato Positivo vogliamo ricordare i 12 fastidiosi consigli che i genitori si sentono ripetere spesso. E siamo sicuri del fatto che tu ne abbia anche altri da aggiungere a questo elenco.

“Riposa mentre il bambino dorme.”

Ci sono bambini con cui è facile fare le faccende domestiche. Rimangono nel posto in cui li si lascia e si intrattengono facilmente con un giocattolo o un semplice libro. Ma ci sono bambini che non lasciano le braccia dei genitori e sono pronti a gridare più forte di una sirena se la loro mamma si distrae per un solo secondo. Spesso è più facile per i genitori di questi ultimi sacrificare il proprio riposo piuttosto che pulire il pavimento con il bambino in braccio. Ma ciò non significa che non si stanchino o non meritino supporto.

“Una mamma dovrebbe mangiare di più per produrre latte.”

Molti parenti anziani consigliano (con le miglior intenzioni) alle madri che allattano di mangiare di più, in modo che il latte materno sia più grasso. Tuttavia, in seguito, iniziano a lamentarsi del fatto che la donna in questione non abbia più il fisico di una modella. Ci dovrebbe essere equilibrio in tutto ciò che facciamo. Non dovresti mangiare per 2 persone se non vuoi, altrimenti potresti non riconoscerti allo specchio dopo diversi anni.

“Insegna a tuo figlio a condividere le cose o diventerà una persona avida.”

Gli adulti spesso chiedono ai bambini di condividere i loro giocattoli con i coetanei senza nemmeno pensare che in questo modo vengono infranti determinati confini. Allo stesso tempo, genitori e nonni non si affrettano a condividere i loro oggetti di valore con la prima persona che incontrano. Se un oggetto appartiene a un bambino e questo non ha voglia di condividerlo, tenerlo per sé rappresenta un suo diritto.

“Smettila di sprecare il congedo di maternità. Hai molto tempo, dedicati a qualcosa!”

Molte persone che non hanno avuto esperienza di maternità pensano che le giovani madri abbiano molto tempo libero e non siano in grado di sfruttarlo per migliorare la propria carriera. Infatti, non sempre riescono a trovare il tempo per bere tranquillamente una tazza di tè tra notti insonni, mal di pancia e mal di denti. È un peccato che le persone che danno consigli su come gestire il congedo di maternità di solito vogliano solo aiutare a parole e non si prendano la responsabilità di aiutare una giovane madre.

“Bisogna insegnare a un bambino a comportarsi da uomo.”

Fin dalla nascita, la società impone ai genitori di crescere i propri figli come futuri gentiluomini: non devono piangere e devono sempre cedere il posto (o altro) alle ragazze. Forse queste regole funzionerebbero se gli stessi uomini adulti vi si attenessero. Ma no, ai bambini viene detta una cosa, mentre gli uomini adulti si comportano in modo assolutamente diverso, anche quelli che votano per un’ “educazione più virile”.

“Dovresti fare un altro figlio, di modo che il tuo primogenito abbia qualcuno con cui giocare.”

Spesso sembra che le persone al di fuori della famiglia sappiano esattamente come dovrebbero comportarsi i neogenitori. È facile per amici e vicini dire cose come “è ora che tu faccia un secondo figlio” o presumere che una madre e un padre debbano necessariamente dare alla luce un maschio o una femmina o pensare che il “figlio unico” riceverà una compagnia adeguata una volta nato il fratellino. Naturalmente, poche persone si affrettano a seguire tali consigli, ma riceverli le infastidisce moltissimo.

“Non lasciare che il bambino si abitui a stare tra le tue braccia.”

I bambini piangono in culla e vogliono essere tenuti in braccio dalle loro madri, non perché sono capricciosi. Tale comportamento è l’unico modo che hanno per chiedere aiuto. Ignorare un bambino in quel momento per “non lasciare che si abitui a stare in braccio alla madre” è una strategia piuttosto strana, ma molte persone continuano a usarla.

“Un bambino dovrebbe mangiare tutto.”

Se hai mai provato la purea di broccoli, probabilmente capirai che non tutti gli adulti la preferiscono, mentre i bambini la mangiano avidamente. I gusti dei bambini e quelli degli adulti sono diversi ed è assolutamente normale. Ecco perché non c’è niente di sbagliato nel fatto che un bambino si rifiuti di mangiare il porridge. Dopotutto, ci sono molti piatti che gli adulti rifiutano di mangiare.

“Mettile qualcosa di più caldo e toglile il cappello.”

Ogni persona ha la propria percezione di caldo e freddo. Alcune persone indossano cappotti quando fuori ci sono 15°, altre indossano felpe con cappuccio e poi ci sono quelle che indossano magliette per sentirsi a proprio agio. Nessuno fa commenti agli adulti sul fatto che i vestiti che indossano non corrispondono al tempo che c’è fuori. Ma allo stesso tempo, molti adulti dispensano volentieri ai genitori, che conoscono molto bene i gusti dei loro bambini, consigli su come vestirli.

“I bambini devono dormire nel proprio letto.”

Molti consigliano ai giovani genitori di non lasciare che il figlio dorma con loro nel letto, ma di far dormire il bambino nella culla sin dalla nascita. Mentre alcune persone si sentono davvero più a loro agio in questo modo, altre mamme preferiscono avere il proprio bambino accanto per non alzarsi 5-7 volte a notte. E non c’è niente di sbagliato in questo. Il benessere dei genitori e un sonno tranquillo sono ciò che conta davvero.

“È meglio comprare cose più grandi in modo da sfruttarle anche gli anni successivi.”

L’acquisto di vestiti di una taglia in più non è una cattiva idea se si tiene conto della velocità con cui crescono i bambini. Tuttavia, alcuni vestiti stagionali possono essere troppo grandi per una stagione e troppo piccoli per quella successiva. Tutti i genitori vogliono che i figli si sentano a proprio agio nei loro vestiti. Ecco perché non dovresti imporre la tua filosofia su quali vestiti scegliere ai giovani genitori, anche se hai le migliori intenzioni.

“Dovresti insegnare a tuo figlio come fare le cose: a questa età, dovrebbe già saper usare il vasino (o leggere poesie, ecc.).”

Mettere un bambino a paragone con un altro, anche con il genitore alla sua stessa età, non è una buona idea. Ogni bambino si sviluppa seguendo il proprio ritmo e sicuramente non deve acquisire determinate abilità entro una certa età. L’addestramento precoce all’uso del vasino non ha mai aiutato nessuno a diventare un genio, motivo per cui non c’è bisogno di imporre cose ai bambini e sconvolgere madri e padri con tali osservazioni.

Quale consiglio “inestimabile” su come educare tuo figlio hai ricevuto ma non hai mai messo in pratica?

Il lato positivo/Psicologia/12 consigli “inestimabili” che faremmo meglio a non dare ai neogenitori
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti