Il lato positivo
Il lato positivo

15 motivi per cui i bambini potrebbero non sentirsi vicini ai genitori e perché non dovrebbero incolparsi di questo

Anche se sappiamo che molti problemi derivano dalla nostra infanzia, raramente parliamo della relazione tra genitori e figli. Siamo soliti dire cose come: “Beh, lei è mia madre, ha fatto molto per me e dovrei esserle grato”. Tuttavia, non parliamo dei sentimenti negativi che abbiamo nei loro confronti. Alcuni comportamenti genitoriali, infatti, possono provocare ansia nei bambini, anche quando questi crescono.

Noi de Il Lato Positivo siamo d’accordo con le opinioni di molti psicologi sul fatto che le persone non debbano sentirsi troppo vicini ai propri parenti, anche se si tratta di mamma e papà. Oggi, abbiamo una compilation di 15 esempi lampanti di ciò che può portare a un comportamento tossico in una famiglia.

1.

Alcuni genitori iniziano a criticare i propri bambini ogni volta che si sentono arrabbiati, delusi o semplicemente stanchi. Questo li aiuta a esprimere le proprie emozioni negative e a nascondere le proprie vulnerabilità. In ogni parola o azione dei loro figli, queste madri e padri troveranno sempre qualcosa di offensivo o negativo. Nel corso degli anni, questo comportamento da parte dei genitori non sparisce o addirittura tende a peggiorare e i bambini crescono privi di voglia di fare qualcosa di buono per i propri genitori.

2.

Ci sono genitori che pensano che se i propri figli crescono nutriti e ben vestiti allora significa che hanno fatto un buon lavoro. Non disponibili e freddi, potrebbero essere presenti nella loro vita fisicamente, ma non emotivamente. Crescendo, i bambini sentono di avere un dovere nei loro confronti: aiutarli economicamente, trovargli un buon medico, ecc. Tuttavia, è meglio che questo tipo di genitori non si aspetti calore e attenzione dai propri figli una volta cresciuti.

3.

I genitori narcisisti hanno un ruolo importante nella vita dei propri figli. Sono molto attenti a come studiano, a quali voti prendono e ai loro successi. Queste madri e questi padri alimentano il proprio ego tramite il successo dei propri figli. Ma, allo stesso tempo, non riescono a vedere una personalità unica e autonoma. Qualsiasi sbaglio, voto cattivo o fallimento in una competizione atletica è motivo di discussione. I bambini si sentono sotto pressione e pensano di non essere abbastanza bravi. Quando crescono, cercano di mantenere molta distanza tra sé stessi e i propri genitori per evitare di sentirsi nuovamente sotto pressione.

4.

Madri e padri emotivamente negligenti non rifiutano completamente i propri figli ma non prestano loro molta attenzione. Col tempo, questi genitori realizzano che, per qualche motivo, i propri figli non gli dimostrano abbastanza amore, affetto e rispetto. Tuttavia, non c’è da sorprendersi.

5.

Quando i genitori deridono gli interessi dei figli, questi iniziano a vergognarsi e potrebbero continuare a provare questo sentimento per tutta la vita. Per proteggersi, potrebbero iniziare a fare lo stesso in risposta a quanto ricevuto: deridere gli interessi dei genitori e non prendere in considerazione i loro sentimenti e successi.

6.

I genitori più anziani spesso ricorrono a una manipolazione molto diffusa: “Abbiamo fatto di tutto per te, sei un ingrato!”. Sanno di avere un sacco di potere sui propri bambini e cercano di mantenerlo anche quando questi iniziano a farsi una propria vita. Queste madri e questi padri possono pressare, ricattare, persino mettere i propri figli di fronte a una scelta e ogni scelta sarà un tradimento. La decisione più saggia sarebbe quella di non cadere preda di queste manipolazioni ma imparare a lottare per i propri diritti, rimanendo grati ai propri genitori per tutti i loro sacrifici.

7.

Non c’è nulla di sbagliato nel fatto che i genitori siano ambiziosi per i propri figli. Tuttavia, è malsano quando questa diventa un’ossessione. Le conversazioni quotidiane sul matrimonio o sull’avere dei figli non rafforzano il rapporto tra genitori e figli, né lo migliorano. Questi genitori non dovrebbero sorprendersi se i figli decidessero di smettere di comunicare con loro.

8.

Il supporto psicologico dei genitori per i bambini è importante quanto il latte materno lo è per i neonati. Un trauma psicologico inflitto da un genitore non si risolve da solo. Alcune persone si arrendono, altre diventano timide e hanno paura delle relazioni serie. Altre ancora vogliono dimostrare qualcosa ai propri genitori e raggiungere grandi successi. Tuttavia, queste persone tendono a sentirsi abbandonate.

9.

Confidare un segreto a un adulto è un grande passo per un bambino. Questo è sia un test di autorità che un modo per rafforzare il rapporto. Ma, se un genitore ride o si arrabbia invece di mantenere il segreto, raccontandolo a tutti, la fiducia in famiglia sarà persa per sempre. Molto spesso questo induce i bambini a non raccontare più nulla ai propri genitori.

  • Ho smesso di fidarmi di mia madre all’età di 7 anni quando le dissi che mi piaceva un ragazzo in classe e il giorno seguente tutti i miei parenti lo vennero a sapere... So che non è nulla di grave, ma questo episodio ha fatto sparire la mia fiducia. Oggi, mia madre si lamenta sempre del fatto che non le racconto più segreti da 21 anni! E quando le dico il motivo per cui non lo faccio, lei non mi crede! © nfh354410 / Pikabu

10.

“Perché stai piangendo come un bambino?”, “Guarda! Tutti ti guardano e ti prendono in giro!”, “Sei brutto quando piangi, smettila!”. Molti genitori sono convinti del fatto che deridere il proprio bambino per il fatto che pianga sia l’unico modo per farlo smettere. Tuttavia, l’unica conseguenza a cui questo atteggiamento può portare è rendere il bambino riservato e timido. Piangere quando si è feriti è normale. I bambini hanno bisogno di avere a che fare anche con le emozioni negative.

11.

I genitori ossessionati dal potere, credono di avere il diritto di scegliere quale carriera il proprio figlio debba intraprendere. A loro non importa che i propri figli non siano più dei bambini ma adulti in grado di prendere le proprie decisioni. Il controllo è irrazionale e la giustificazione dei genitori è: “Perché così ho deciso”. I bambini che restano sotto il controllo dei propri genitori avranno difficoltà in futuro. Non solo soffrono di rabbia inconscia, ma imparano anche ad adattarsi ai desideri delle altre persone, credendo che i bisogni degli altri siano più importanti dei propri.

12.

Questa è una situazione tipica delle famiglie in cui un bambino è più amato di un altro. Per esempio, si suppone che il figlio più grande faccia da genitore e viene rimproverato per ogni piccola cosa, mentre il più piccolo riesce sempre a svignarsela e viene richiesto al più grande di essere un esempio per il più piccolo. Se i genitori non notano questo problema, può succedere che il conflitto diventi sempre più serio.

  • Ricordo i miei 9 anni nel 1996. Ero il figlio maggiore. Qualcuno in TV disse che i figli più piccoli tendono ad essere più amati. Mio padre disse a mia madre: “Beh, non è così? Mi chiedo perché...” Mia madre era d’accordo. Beh, mi fece molto male. © NAZAROVV74 / Pikabu

13.

Alcuni genitori credono sia dannoso lodare i propri figli, quindi sono molto duri con loro. I genitori stabiliscono standard che i bambini non sono in grado di raggiungere, ma non devono meravigliarsi poi se i propri figli crescono timidi.

14.

I genitori manipolatori sono estremamente bravi a far sentire i propri bambini in colpa per i loro insuccessi. Spesso dicono qualcosa del tipo: “Se non fosse stato per te, la mia vita sarebbe stata diversa.”. Queste parole fanno male a chi le ascolta. Per essere in grado di combattere il senso di colpa devi tracciare una linea e non lasciarti manipolare: non è colpa del bambino essere nato.

15.

“Cosa penserà la gente?”, “Mi conoscono tutti in città. Cosa penseranno di me?” è quello che dicono le persone egoiste che pensano più all’approvazione degli altri che ai sentimenti dei propri figli. Vogliono essere così perfetti da non avere tempo per nient’altro. Credi che le persone vogliano mantenere un buon rapporto con genitori che non li accettano? La risposta è ovvia.

Sei mai stato in situazioni che hanno minacciato il rapporto con i tuoi genitori? Cos’è che non diresti mai a tuo figlio?

Il lato positivo/Psicologia/15 motivi per cui i bambini potrebbero non sentirsi vicini ai genitori e perché non dovrebbero incolparsi di questo
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti