Il lato positivo
Il lato positivo

8 motivi per i quali gli studenti svogliati guadagnano spesso molto di più degli studenti di serie A

Molti genitori cercano di convincere i propri figli che i voti scolastici sono di vitale importanza e, quando i loro figli prendono brutti voti, li rimproverano e li obbligano a studiare di più. Eppure, nella vita reale, molto spesso i voti presi a scuola non contano affatto. Quante volte avete sentito parlare di ragazzi che non hanno avuto molto successo a scuola, ma che poi sono stati assunti in una grande azienda e hanno un’ottima posizione?

Noi de Il Lato Positivo abbiamo consultato psicologi e cercato di rispondere alla domanda sul perché gli studenti svogliati spesso hanno molto più successo di quelli diligenti.

A loro non interessano i voti.

Per molti studenti diligenti i voti scolastici sono segno di successo: se hanno buoni voti, significa che hanno ottenuto qualcosa. Tuttavia, i voti sono soggettivi e dipendono non solo dalla qualità della conoscenza, ma anche da altri fattori, come l’insegnante e il suo umore. I cattivi studenti non hanno bisogno di voti per dimostrare di avere successo. Quando perseguono i loro obiettivi, non cercano l’apprezzamento di altre persone, si preoccupano di più di quanto siano soddisfatti di ciò che hanno fatto.

Non badano all’apparenza.

Per gli studenti diligenti, spesso è molto importante fare una buona impressione sul loro insegnante, per questo cercano di essere partecipativi anche quando non sono interessati a un argomento. Gli studenti svogliati, invece, non cercano di impressionare nessuno: pur rispettando gli insegnanti, si rifiutano di fare le cose che non vogliono fare.

Molto spesso, le persone seguono questo modello di comportamento nella comunicazione con i loro capi.

Non fanno tutto da soli.

Molti studenti diligenti si attengono alla regola: “Se vuoi fare qualcosa, fallo da solo”. Questo perché sono abituati a contare su se stessi al 100% e a controllare tutto da soli. Allo stesso tempo, gli studenti svogliati delegano altre persone per ottenere ciò che vogliono.

Anche nella vita adulta le persone si attengono a questi schemi: mentre alcuni si esauriscono facendo più di quanto possano realisticamente fare, altri delegano i propri compiti a più persone.

Si permettono di essere imperfetti.

Alcune persone si attengono alla regola: “O lo faccio perfettamente o non lo faccio affatto”. Vivere in questo modo è incredibilmente difficile, perché avere successo in ogni area è semplicemente impossibile. Persone del genere trascorreranno anni in un lavoro senza uscita cercando di perfezionarsi sempre di più, perderanno la fiducia in sé stessi e non faranno mai qualcosa che gli piace davvero.

Ecco un esempio: “Stavo frequentando una scuola d’arte dove c’era un ragazzo che era abbastanza talentuoso, nonostante non fosse stato molto bravo al liceo. Ciò non gli ha impedito di diventare uno dei migliori artisti di graffiti del paese. Ora lavora con persone provenienti da tutto il mondo e se fosse stato un perfezionista a cui fosse importato davvero dei suoi voti, il suo talento non sarebbe mai stato scoperto.”.

Non si preoccupano più di tanto.

I cattivi studenti non si obbligano mai a fare cose a cui non sono interessati, specialmente cose che pensano siano inutili. Invece, si concentrano su cose a cui sono realmente interessati. Al contrario, uno studente di serie A continuerà a imparare cose solo per risultare un bravo studente.

Più tardi, questi ultimi si renderanno conto di aver sprecato anni della loro vita in cattive relazioni e lavori senza prospettive.

Ecco una storia che dimostra la logica che hanno i cattivi studenti; a raccontarlo è stato il titolare di una grande azienda: "Sono stato in 7 scuole diverse e sono sempre stato un pessimo studente. Non volevo studiare le materie che non mi interessavano. Ad un certo punto, ho semplicemente smesso di andare alle lezioni di matematica e, allo stesso tempo, leggevo un sacco di cose che mi interessavano. Inoltre, sapevo già usare Internet quando nessuno dei miei insegnanti sapeva cosa fosse. Passavo tutto il mio tempo libero online, giocando sul computer, leggendo o passeggiando.

Hanno altre cose da fare al di fuori dei compiti.

Gli studenti svogliati trascorrono il loro tempo libero come vogliono: leggono, praticano sport, suonano, ballano o giocano con altri bambini.

Secondo gli psicologi, gli studenti di serie A hanno spesso difficoltà a rilassarsi perché sono sempre tesi non solo mentalmente, ma anche psicologicamente. Sfortunatamente, questo problema rimane con loro e hanno questo problema anche quando crescono: spesso si sentono in ansia perché hanno paura di non essere all’altezza delle aspettative degli altri.

Sanno accettare anche i fallimenti.

Conosciamo tutti persone che hanno difficoltà a gestire il fallimento. Considerano anche i più piccoli errori come enormi problemi. I cattivi studenti sono abituati a prendere cattivi e buoni voti. Per loro, un brutto voto non è la fine del mondo. Nella vita reale, affrontano lo stress molto meglio e si riprendono molto più facilmente dopo un fallimento.

Sono pronti a rischiare.

Le persone che non avevano molto successo a scuola dovevano adattarsi continuamente alle situazioni. Si sono permessi di sognare e di non vivere secondo i piani che i loro genitori avevano per loro. Ora affrontano meglio le conseguenze dei propri errori.

Se vogliono lasciare il college, cambiare lavoro o trasferirsi in un altro paese, lo faranno. Ascoltano se stessi e ciò che vogliono.

C’erano studenti svogliati nella tua scuola? Come sono adesso?

Il lato positivo/Psicologia/8 motivi per i quali gli studenti svogliati guadagnano spesso molto di più degli studenti di serie A
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti