Il lato positivo
Il lato positivo

13 storie di donne che hanno capito che la bellezza richiede sacrifici

Ritagliarsi un po’ di tempo per sé stessi è un rituale per le donne di tutte le età. Andare alla spa, dal parrucchiere o in un centro di bellezza è sempre una sorta di mini-vacanza. Però a volte anche un semplice taglio di capelli o una manicure possono non andare secondo i piani, e ti lasciano dentro una sgradevole sensazione.

Non a caso la gente dice che la bellezza richiede sacrificio. I personaggi del nostro articolo de Il Lato Positivo lo sanno per certo e condividono con piacere quello che pensano dei loro stilisti.

  • Gli uomini non riescono a capire che cosa le donne sono disposte a fare per la loro bellezza. Ad esempio, cammino per mezza città e passo per un cimitero per 10 minuti solo per comprare uno shampoo. © _nebonebo_ / Twitter
  • Ho una cliente che si stava facendo crescere le sopracciglia da 2 anni. Abbiamo faticato per ogni piccolo pelo. Il mese scorso non è riuscita a prendere un appuntamento con me e quindi è andata in un altro centro. Le hanno tolto tutte le sopracciglia e laminato le restanti, causando anche la caduta. Sto piangendo. © Maria_Potekho94 / Twitter
  • Mi sono fatta fare le unghie in un altro centro e me le hanno rovinate. Sono già 2 settimane che ho rimosso il gel sulle unghie, ma non mi ricrescono, anzi si rompono e si sfaldano. Addirittura limarle è faticoso. © Serikava / Twitter
  • Ogni volta, vado dall’estetista euforica, pensando che creeremo della bellezza. E alla fine sono lì distesa e penso: “Oh mamma, sono io che mi sottopongo a questi trattamenti, nessuno mi ha costretta”. © my__copy / Twitter
  • Ho fatto il piercing all’ombelico circa 15 anni fa, hanno fatto una foto del risultato e l’hanno postata sui loro social. Mi hanno anche taggata nel post. Riguardando la foto, mi sono resa conto di avere un pelo lungo e nero sulla pancia, non me ne ero proprio accorta. Ovviamente l’ho tolto subito, ma sarebbe stato meglio se l’avesse fatto la ragazza che mi ha fatto il piercing prima di farmi una foto e mettermi in imbarazzo. © zaleteli / Pikabu
  • Una volta mi sono recata in un centro per farmi la ceretta. Era la prima volta che andavo in questo tipo di posto. Ho notato che la persona che mi faceva la ceretta sulle braccia posava la striscia sul pavimento e poi la riutilizzava sul mio braccio. Inoltre ha usato una spugnetta per pulirmi le mani, ma questa era tenuta in un’area comune ed era utilizzata da tutti i clienti dopo averla a malapena sciacquata con dell’acqua senza nessun tipo di disinfettante. Non le ho mai detto nulla ma ho giurato che non avrei mai più messo piede in quel centro. © Tejas Vartikar Chauhan / Quora
  • La mia amica si è recata in un celebre centro della nostra zona per colorarsi i capelli. Lei è bruna e voleva un colore argenteo, quindi è stata lì per ore per decolorare i capelli, li ha poi sciacquati e le hanno applicato il colore: è venuto così male che le hanno dovuto tagliare i capelli, che le arrivavano alla schiena in un caschetto. Ci sono stati molti pianti. © Plankton-Local / Reddit
  • La parrucchiera mi aveva fatto circa 10 treccine, quando ha detto: “Torno subito”. Se ne è andata per 3 ore per andare a farsi sistemare i capelli. © justpeachyhair / Twitter
  • La parrucchiera mi stava tagliando i capelli dicendo “Hai un così bel colore di capelli!”. Si è fermata un attimo e poi ha aggiunto “Nelle aree dove non ci sono i capelli grigi.”. Dopo questi commenti mi sono sentita come una vecchia mamma, anche se avevo solo 47 anni. Non sono mai più tornata in quel centro, nonostante la parrucchiera fosse brava. Sarebbe stato meglio se avesse fatto il suo lavoro senza dire una parola. © KymcoSuper8 / Pikabu
  • “Devi fare il baffetto?” mi ha chiesto la mia estetista, anche se ero andata per allungarmi le ciglia. Sono rimasta stesa lì a pensare a che tipo di baffetto avessi e perché mai nessuno mi aveva detto nulla. Il mio povero marito... aveva dovuto sopportare il mio baffetto per così tanti anni. Ho continuato a fissarlo per le successive 2 settimane, piena di dubbi. Prima di quel commento, erano solo dei chiari peletti sopra il labbro. © victory509 / Pikabu
  • Una volta mi sono recata in un centro di bellezza locale molto famoso in tutta la città. Tanta anticipazione, prezzi alti per colorare i capelli, e una lista d’attesa lunga un mese. Avevo deciso di farmi l’Airtouch sui capelli. Il risultato: mi cadevano a ciocche dopo il primo lavaggio. Nonostante avessi 19 anni, non mi ero mai “bruciata” così tanto i capelli nemmeno con la tinta più economica. C’è stato soltanto un lato positivo da tutta questa situazione: ho finalmente dovuto far ricrescere il mio colore naturale e ora sono contenta così. © Vittoria2603 / Pikabu
  • Una ragazza dai capelli bellissimi che le arrivavano fin sotto la vita è venuta nel nostro salone di bellezza e ha chiesto che le venissero tagliate 2 dita di questi. Le erano stati tagliati asimmetrici. Quando la ragazza ha gentilmente chiesto che le venissero sistemati, il parrucchiere ha preso le forbici e, senza dire una parola, le ha tagliato altre 8 dita di capelli. La cliente, dapprima stupefatta, ha poi sospirato e detto, sorridendo, che sognava di tagliarsi i capelli da tutta la vita ma non ne aveva mai avuto il coraggio. Inoltre, tutti cercavano di scoraggiarla da questa idea, ma ora il suo sogno era finalmente divenuto realtà. Adesso è felicemente di nuovo qui e abbiamo deciso di tagliare ancora di più i capelli. © Overhear / VK
  • Una volta ho deciso di recarmi in un nuovo salone per unghie per una manicure. Dopo aver finito il trattamento, la ragazza mi ha chiesto se potesse fare una foto delle mie unghie. Ho accettato. Lei ha cacciato fuori una lametta e ha provato togliermi i peli dalle dita per far uscire la foto più carina. Grazie, cara ragazza, per avermi fatto sviluppate un nuovo complesso. © Kevinuq48 / Pikabu

Quali sacrifici hai dovuto fare in nome della bellezza?

Anteprima del credito fotografico Overhear / VK
Il lato positivo/Robe da ragazze/13 storie di donne che hanno capito che la bellezza richiede sacrifici
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti