Il lato positivo
Il lato positivo

Cosa succede al tuo corpo quando vieni punto da una zanzara

La parola “zanzara” ci ricorda innanzitutto il prurito e il gonfiore che si manifestano dopo la sua puntura. Raramente pensiamo a cosa succede mentre questo insetto si nutre di noi e a cosa è dovuto il conseguente prurito. Secondo una ricerca la ragione è nella saliva della zanzara.

Noi de Il Lato Positivo abbiamo deciso di spiegarvi cosa succede prima, durante e dopo una puntura di zanzara. Alla fine, troverete un bonus che vi dirà come combattere questi amici rompiscatole.

Le zanzare sputano sulla pelle per anestetizzarla.

Uno studio ha dimostrato che una zanzara ha bisogno di circa 4 minuti per riempire il suo stomaco di sangue. Il problema è che durante questo tempo la loro vittima potrebbe vederla e ucciderla prima che la missione sia completata. Per non parlare del fatto che la puntura stessa è dolorosa, quindi l’aggressore rischierebbe di essere individuato ancora più velocemente.

La saliva di una zanzara ha un principio attivo in grado di anestetizzare la pelle. Quindi l’insetto ci sputa addosso per non farci sentire il morso. Dopodiché i nostri piccoli amici ronzanti iniziano a cercare i vasi sanguigni sotto la pelle. Sondano un certo numero di volte finché non trovano qualcosa di cui nutrirsi.

La saliva le aiuta a succhiare il sangue più facilmente.

Appena trovata la vena, la zanzara rilascia nuovamente la saliva. Questo liquido contiene più di 100 proteine che servono a diversi scopi, uno dei quali consiste nel rendere il sangue non coagulato. In questo modo è più facile da succhiare.

Quando la vena viene lesionata, il nostro corpo inizia immediatamente a rimarginarla. In questo modo però, sarebbe impossibile per l’insetto continuare a succhiare il sangue. Queste astute creature hanno trovato un modo per bypassare questa reazione. Come afferma lo studio, la saliva della zanzara ha un agente in grado di bloccare la risposta del corpo umano e di dilatare i vasi sanguigni.

Le punture prudono perché ne siamo allergici.

È di nuovo colpa della saliva. Il morso contiene proteine non tossiche che possono provocare prurito, rossore e gonfiore a diversi livelli di intensità. Esistono anche delle persone che non hanno questa particolare allergia.

Le reazioni alle prime punture di zanzara sono le più acute, ancora di più se si viene punti costantemente lungo un arco di 2-20 anni di fila. Le zanzare depongono le uova nell’acqua stagnante, quindi non possono riprodursi in luoghi dove questa è coperta da ghiaccio per la maggior parte dell’anno. Di conseguenza non mordono molto spesso le persone che vivono in quelle zone, ma se queste si trasferissero in qualche località tropicale, i primi morsi potrebbero essere difficili da affrontare.

Bonus: cosa possiamo fare per essere morsi di meno.

Secondo alcune ricerche, le zanzare sono attratte dal nostro odore, prodotto da diversi microbi che vivono sulla nostra pelle. Ecco perché lavare i piedi con sapone battericida potrebbe evitare le punture degli insetti. È importante usare anche un repellente. Oltre a quelli sintetici, si può usare l’olio di eucalipto che ha dimostrato di essere efficace contro le punture di zanzara.

Sei tra quelli che vengono spesso punti dalle zanzare o sei tra i più fortunati? Cosa fai per proteggerti dalle zanzare?

Il lato positivo/Salute/Cosa succede al tuo corpo quando vieni punto da una zanzara
Condividi quest'articolo
Credo che questi articoli potrebbero piacerti